Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 20 del 09 febbraio 2024


Materia: Sanità e igiene pubblica

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1546 del 12 dicembre 2023

Finanziamento del Consorzio per la Ricerca Sanitaria - CORIS, per l'anno 2023. Legge regionale del 30 gennaio 1997, n. 6, art. 24.

Note per la trasparenza

Con il presente atto si dispone un finanziamento per l'anno 2023 al Consorzio per la Ricerca Sanitaria – CORIS, e contestualmente si assegna al Consorzio per la Ricerca Sanitaria – CORIS un finanziamento dell’importo massimo di Euro 900.000,00, con copertura sulla Linea di spesa GSA 2023 n. 0134 relativa a quanto in oggetto e denominata "Finanziamento del Consorzio per la Ricerca Sanitaria - CORIS. Legge regionale del 30 gennaio 1997, n. 6, art. 24” da erogarsi per il tramite dell'Azienda Zero.

L'Assessore Manuela Lanzarin riferisce quanto segue.

L’art. 24 della Legge regionale 30 gennaio 1997, n. 6 stabilisce che la Regione del Veneto, allo scopo di favorire la ricerca scientifica nel campo dei trapianti d’organo e di tessuto ed incrementare i trapianti medesimi, promuova la costituzione e sostenga l’attività del Consorzio per la ricerca sui trapianti d’organo fra la Fondazione per l’incremento dei trapianti d’organo (F.I.T.O.) ed altri enti pubblici e privati operanti nel settore della sanità, della ricerca scientifica e dell’assistenza sanitaria.

Sulla base di quanto previsto dalla citata disposizione, in data 1° ottobre 1997 è stato costituito il “Consorzio per la Ricerca sul Trapianto di Organi (CORIT)” con sede in Padova, al fine di promuovere, incrementare e sostenere la ricerca scientifica, e annualmente finanziato dalla Regione del Veneto per il proprio funzionamento.

In data 25 maggio 2016, a seguito dell'approvazione da parte dell'Assemblea dei soci di alcune modifiche allo Statuto, il CORIT ha modificato la propria denominazione in Consorzio per la Ricerca Sanitaria - CORIS ed ha ampliato il proprio oggetto sociale estendendolo alla promozione e al sostegno della ricerca scientifica in campo sanitario e socio sanitario.

Con successiva modifica statutaria, approvata dall’Assemblea in data 20 marzo 2017 il Consorzio ha modificato la compagine del Consiglio di Amministrazione includendo l'Azienda Zero tra i propri soci, in virtù della riorganizzazione territoriale disposta con legge regionale 25 ottobre 2016 n. 19. Contestualmente, la durata del CORIS è stata prorogata fino al 31 dicembre 2027.

Tale proroga, recepita dalla Giunta Regionale con Deliberazione 14 marzo 2017 n. 282, si è resa necessaria per garantire la prosecuzione delle attività di ricerca scientifica nell’ambito dei trapianti d’organi e tessuti, della medicina rigenerativa, dell'oncologia sperimentale e clinica, nonché dello studio dei modelli organizzativi funzionali al miglioramento dei servizi sanitari, avvalendosi della collaborazione delle Università, Aziende Ospedaliere, Aziende Ulss, Istituzioni scientifiche, enti privati e Fondazioni, italiane ed estere, interessate alla ricerca.

Ciò premesso, con nota acquisita a prot. regionale n. 608109 del 10 novembre 2023, il CORIS ha inviato all'Area Sanità e Sociale la Relazione sulle attività anno 2023, che prevedono azioni concrete volte al perseguimento delle proprie finalità istituzionali quali:

a) promuovere, incrementare e sostenere la ricerca scientifica in senso lato, sia essa di base, traslazionale o clinica, in ambito sanitario e socio sanitario, ed in particolare nell’ambito:

  • dei trapianti di organi, di tessuti, di cellule e all'applicazione della medicina rigenerativa; - di azioni volte al miglioramento della qualità di vita di pazienti con grave insufficienza di organi, ivi compresa la realizzazione di organi bioartificiali;
  • dell’oncologia, sperimentale e clinica, dei meccanismi di insorgenza del cancro e dei processi biologici ad esso correlati, nonché dello sviluppo di nuovi strumenti diagnostici e terapeutici;
  • organizzativo, clinico assistenziale e del miglioramento dei servizi offerti nel SSR, ivi compreso lo sviluppo di nuovi percorsi diagnostico terapeutici e la valutazione delle tecnologie sanitarie;
  • di progettualità volte alla tutela della salute, ex ante ed ex post, ivi comprese, a titolo esemplificativo e non esaustivo, la prevenzione e la valutazione della sicurezza dei farmaci (farmacovigilanza);

b) promuovere i rapporti tra Università, Aziende Ospedaliere, Aziende ULSS, Istituzioni Scientifiche, enti privati e Fondazioni, Italiane ed Estere, interessate alla ricerca nelle finalità di cui al punto a);

c) contribuire alla realizzazione degli obiettivi di ricerca di cui ai punti precedenti anche attraverso la diretta gestione dei fondi regionali. Contribuire per le istituzioni non universitarie alla gestione dei progetti di ricerca finanziati con i fondi di cui ai punti precedenti;

d) promuovere e sostenere i progetti e le finalità perseguite dalla Rete Oncologica del Veneto;

e) svolgere attività di valutazione, progettazione, coordinamento, partenariato anche con il settore privato, a

favore di tematiche di ricerca ritenute prioritarie;

f) svolgere ogni altra attività connessa a quelle sopraelencate e concludere tutte le iniziative necessarie od utili alla realizzazione degli scopi predetti, ivi compresa la stipulazione di contratti di compravendita anche immobiliare e la raccolta di fondi presso Enti pubblici e privati, nazionali e internazionali.

Alla luce delle attività proposte dal Consorzio, conformi alle finalità previste dallo Statuto, nell’ottica di razionalizzazione della spesa ed efficientamento delle attività, si propone di finanziare l’intervento di spesa in oggetto per l’esercizio corrente, con copertura finanziaria a carico dei Finanziamenti della GSA dell’esercizio 2023, previsti per la linea di spesa n. 0134 “Contributo CORIS”, afferente al capitolo di Bilancio regionale n. 103285 – di cui al DDR Area Sanità e Sociale n. 30/2023, All. A, di esecuzione della DGR 151/2023 -, per l’importo complessivo di Euro 900.000,00 da assegnare a favore del beneficiario CORIS;

Tale finanziamento verrà erogato al beneficiario per il tramite di Azienda Zero, responsabile della GSA ai sensi dell’art. 2 della L.R. n. 19/2016, alla quale sono già state trasferite tutte le risorse relative ai finanziamenti della GSA 2023, con Decreti del Direttore della Direzione Programmazione e Controllo SSR nn. 23 e 24 del 03 aprile 2023 e n. 30 del 10 maggio 2023.

Azienda Zero provvederà all’erogazione del finanziamento complessivo di Euro 900.000,00 al beneficiario CORIS, con le seguenti modalità:

  • acconto di Euro 630.000,00 pari al 70% del finanziamento assegnato, a seguito dell’approvazione del presente provvedimento;
  • saldo pari al massimo ad Euro 270.000,00 del rimanente 30%, su disposizione della struttura regionale competente, previa presentazione da parte del CORIS, entro il 30 giugno 2024, di una relazione sull’attività svolta corredata dal bilancio consuntivo.

La Direzione Programmazione Sanitaria è incaricata dell’esecuzione di quanto disposto con il presente provvedimento.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato, con i visti rilasciati a corredo del presente atto, l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

VISTO il D.Lgs. 23 giugno 2011, n. 118 e s.m.i.;

VISTO il Piano Socio Sanitario Regionale 2019-2023;

VISTA la L.R. 30 gennaio 1997, n. 6, art 24;

VISTO l’art. 2 comma 2, della L.R. n. 54 del 31.12.2012;

VISTA la L.R. n. 39 del 29.11.2001;

VISTA la L.R. n. 19 del 25.10.2016;

VISTA la L.R. n. 32 del 23.12.2022;

VISTO il Decreto n. 71/2022 del Direttore dell’Area Risorse Finanziarie, Strumentali, ICT ed Enti Locali “Bilancio Finanziario Gestionale 2023 – 2025”;

VISTA la DGR n. 60 del 26.01.2023;

VISTA la DGR 151 del 24.2.2023;

VISTO il Decreto del Direttore Generale dell’Area Sanità e Sociale n. 30 del 31.03.2023;

VISTI i Decreti del Direttore Decreto del Direttore della Direzione Programmazione e Controllo SSR nn. 23 e 24 del 03 aprile 2023 e n. 30 del 10 maggio 2023.

delibera

  1. di approvare le promesse quali parte integrante del presente provvedimento;
  2. di assegnare l’importo massimo di Euro 900.000,00 per lo svolgimento delle attività anno 2023 al CORIS con copertura finanziaria a carico delle risorse, già erogate ad Azienda Zero, di cui alla Linea di Spesa GSA 2023 n. 0134 “Contributo CORIS”, afferente al capitolo di Bilancio regionale n. 103285 – di cui al DDR Area Sanità e Sociale n. 30/2023, All.A, di esecuzione della DGR 151/2023;
  3. di disporre che Azienda Zero provveda all’erogazione del finanziamento assegnato al CORIS per lo svolgimento delle attività, con le seguenti modalità:
    • acconto di Euro 630.000,00 pari al 70% del finanziamento assegnato, a seguito dell’approvazione del presente provvedimento;
    • saldo pari al massimo ad Euro 270.000,00 del rimanente 30%, su disposizione della struttura regionale competente, previa presentazione da parte del CORIS, entro il 30 giugno 2024, di una relazione sull’attività svolta corredata dal bilancio consuntivo.
  4. di incaricare la Direzione Programmazione Sanitaria dell’esecuzione di quanto disposto con il presente provvedimento;
  5. di dare atto che quanto disposto con il presente provvedimento non comporta ulteriori spese a carico del bilancio regionale;
  6. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi dell’art. 26 e 27 del Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n.33;
  7. di trasmettere il presente provvedimento all'Azienda Zero;
  8. di pubblicare la presente deliberazione sul Bollettino Ufficiale della Regione.

Torna indietro