Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 90 del 25/10/2013
Scarica la versione firmata del BUR n. 90 del 25/10/2013
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 90 del 25 ottobre 2013


Materia: Programmi e progetti (comunitari, nazionali e regionali)

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1849 del 15 ottobre 2013

Attuazione del Programma Operativo Competitività Regionale ed Occupazione parte FESR della Regione del Veneto, periodo 2007/2013. Asse 4, Azione 4.1.3 "Interventi di aiuto alle PMI per l'accesso ai servizi telematici", codice azione 2A413. Concessione di contributi alle PMI per l'accesso ai servizi digitali in modalità cloud computing. Approvazione del Bando. Incarico di assistenza tecnica per la selezione, l'istruttoria e gestione delle domande che saranno presentate nel Bando, Asse 6 "Assistenza Tecnica", Azione 6.1.1. "Programmazione, gestione, attuazione, monitoraggio e controllo", Codice azione 2A611. Determina a contrarre e approvazione schema di convenzione.

Note per la trasparenza
Approvazione del Bando per la concessione di contributi alle PMI per l'accesso ai servizi digitali in modalità cloud computing a valere sull'Asse 4, linea di intervento 4.1 "Interventi di sviluppo e offerta di servizi e applicazioni per le PMI e gli Enti Locali", azione 4.1.3 "Interventi di aiuto alle PMI per l'accesso ai servizi telematici" del Programma Operativo FESR Competitività Regionale ed Occupazione periodo 2007/2013 - Regione Veneto, approvato dalla Commissione Europea con Decisione CE (2007) 4247 del 7 settembre 2007, modificata con Decisione C (2012) 9310 del 11 dicembre 2012 e con Decisione C (2013) 3526 del 19 giugno 2013. Autorizzazione all'affidamento di un incarico di assistenza tecnica per la selezione, istruttoria e gestione delle domande che saranno presentate nel Bando.

Note per la trasparenza:

Approvazione del Bando per la concessione di contributi alle PMI per l'accesso ai servizi digitali in modalità cloud computing a valere sull'Asse 4, linea di intervento 4.1 "Interventi di sviluppo e offerta di servizi e applicazioni per le PMI e gli Enti Locali", azione 4.1.3 "Interventi di aiuto alle PMI per l'accesso ai servizi telematici" del Programma Operativo FESR Competitività Regionale ed Occupazione periodo 2007/2013 - Regione Veneto, approvato dalla Commissione Europea con Decisione CE (2007) 4247 del 7 settembre 2007, modificata con Decisione C (2012) 9310 del 11 dicembre 2012 e con Decisione C (2013) 3526 del 19 giugno 2013. Autorizzazione all'affidamento di un incarico di assistenza tecnica per la selezione, istruttoria e gestione delle domande che saranno presentate nel Bando.

 

Il Vicepresidente On. Marino Zorzato, di concerto con l'Assessore Roberto Ciambetti, riferisce quanto segue.

Con deliberazione n. 1650 del 07 agosto 2012 la Giunta regionale del Veneto ha approvato la realizzazione dell'"Agenda Digitale del Veneto", documento programmatico avente il compito di delineare, con riferimento al periodo 2013-2015, gli sviluppi della Società dell'Informazione in ambito regionale, in continuità con i processi pianificatori già intrapresi negli anni scorsi ed in armonia con le prescrizioni della Legge Regionale n. 19 del 14 novembre 2008, recante "Norme in materia di pluralismo informatico, diffusione del riuso e adozione di formati per documenti digitali aperti e standard nella società dell'informazione del Veneto".

Con successiva deliberazione n. 554 del 3 maggio 2013 della Giunta regionale sono state approvate le "Linee Guida per Agenda Digitale del Veneto 2013-2015" che formulano i seguenti obiettivi:

1) miglioramento della qualità della vita delle persone e delle famiglie;

2) sostegno alla competitività delle imprese del territorio;

3) accrescimento dei livelli di efficienza ed efficacia della Pubblica Amministrazione locale.

Con deliberazione n. 1475 del 12 agosto 2013 la Giunta regionale ha approvato un primo programma di interventi ("azioni cantierabili") in attuazione degli obiettivi dell'Agenda Digitale del Veneto, di cui alla Deliberazione della Giunta regionale n. 554 del 3 maggio 2013, nell'ambito del Programma Operativo  FESR Competitività e Regionale e Occupazione 2007/2013 e precisamente:

1

Reti Wi-fi¿ aperte e Wi-fi¿ pubblico

Cofinanziamento di progetti di realizzazione ed ampliamento di reti Wi-fi¿ pubbliche aperte sul territorio.

azione 4.1.2

2

Centri per Artigiani Digitali (FAB Lab)

Cofinanziamento di progetti per l'avvio e l'animazione di centri destinati all'utilizzo delle nuove tecnologie digitali in grado di realizzare in maniera flessibile e semi-automatica una ampia gamma di oggetti (come, ad esempio, la "stampa 3D") per imprenditori "artigiani digitali" e start-up.

azione 4.1.3

3

Cloud per le PMI venete (sostegno alla domanda)

Cofinanziamento di progetti per l''attivazione di servizi informatici in modalità cloud computing.

azione 4.1.3

4

Digital Angels

Inserimento di giovani laureandi in discipline attinenti al mondo del digitale, nelle imprese venete, in particolare quelle di piccole dimensioni, al fine di "contaminare" le imprese con competenze digitali.

azione 4.1.3

5

Punti P3@ 2.0

Alfabetizzazione ed acculturazione digitale per la cittadinanza. Potenziamento ed ampliamento del network dei P3@ Veneti.

azione 4.1.2


Il presente provvedimento intende, in attuazione della citata Deliberazione n. 1475 del 12 agosto 2013, dare avvio all'intervento n. 3 per il sostegno della domanda di servizi cloud computing da parte della PMI venete, che rappresenta una prosecuzione, dal lato della domanda, di quello avviato con D.G.R. n. 331 del 29 marzo 2011, che, in attuazione dell'azione 4.1.1 "Creazione di piani d'azione e promozione/creazione di reti di servizi tra/per le PMI" del Por Veneto 2007 - 2013, dal lato dell'offerta, ha portato al finanziamento di 22 progetti di sviluppo di servizi basati sul modello del cloud computing.

Al tale scopo è stato predisposto il Bando per la concessione di contributi alle PMI per l'accesso ai servizi digitali in modalità cloud computing (Allegato A).

L'intervento dà attuazione al Programma Operativo FESR Competitività Regionale ed Occupazione periodo 2007/2013 - Regione Veneto, relativamente all'Asse 4, linea di intervento 4.1 "Interventi di sviluppo e offerta di servizi e applicazioni per le PMI e gli Enti locali", azione 4.1.3 "Interventi di aiuto alle PMI per l'accesso ai servizi telematici". Con tale azione l'Amministrazione regionale intende promuovere presso le PMI l'accesso alle TIC, la loro adozione ed efficace utilizzazione.

Attraverso tale Bando l'Amministrazione regionale corrisponderà un contributo per la fruizione di uno o più servizi digitali in modalità Cloud Computing erogati anche da fornitori diversi; saranno ammessi a finanziamento anche contratti in corso alla data di presentazione della domanda.

Beneficiari dell'intervento sono piccole e medie imprese (PMI) singole che siano costituite con iscrizione al registro delle imprese, siano attive e dispongano di almeno una sede operativa ubicata nel territorio regionale attiva e funzionante, il tutto alla data di pubblicazione del Bando.

La procedura di selezione dei progetti sarà di tipo valutativo a sportello ai sensi dell'art. 5, comma 3 del D.Lgs 123/1998.

L'importo complessivo messo a disposizione per la concessione delle agevolazioni pubbliche ammonta ad Euro 2.000.000,00.= (duemilioni/00 Euro); Regione del Veneto corrisponderà un contributo in conto capitale sino al 75 per cento della spesa ammessa ed effettivamente sostenuta nei primi 12 mesi solari successivi alla data di presentazione della domanda, in caso di contratti in corso a tale data, oppure alla data di sottoscrizione del contratto, nel caso di contratti sottoscritti successivamente alla presentazione della domanda stessa. Il contributo complessivamente concedibile dovrà essere pari ad almeno Euro 2.500 (duemilacinquecento/00) e non potrà essere superiore ad Euro 20.000,00 (ventimila/00). I finanziamenti saranno erogati nel rispetto del Regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006 (pubblicato sulla GUCE in data 28 dicembre 2006, n. L379), relativo all'applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato agli aiuti di importanza minore ("de minimis").

E' necessario quindi stabilire che all'onere derivante dall'attuazione del bandosi farà fronte con le disponibilità relative al Programma Operativo FESR Competitività Regionale ed Occupazione periodo 2007/2013 - Regione Veneto, per l'importo di Euro 2.000.000,00.= (duemilioni/00 Euro) che graverà sul capitolo n. 101269 "POR FESR 2007 - 2013 Asse 4, Accesso ai servizi di trasporto di telecomunicazione per un importo di euro 918.689,29= (euro novecento diciottomila seicento ottantanove / 29) e sul capitolo n. 101001 "POR FESR 2007 - 2013 Asse 4 - Accesso ai servizi di trasporto di telecomunicazione di interesse generale - Quota statale e regionale, Reg.to Cee 11/07/2006, n. 1083" per un importo di euro 1.081.310,71= (euro unmilioneottantunomilatrecentodieci/71), del bilancio Regionale 2013.

Sussiste la possibilità che la disponibilità, in termini di risorse finanziarie, relativa al Programma Operativo FESR Competitività Regionale ed Occupazione, possa essere integrata con ulteriori risorse finanziarie derivanti da riprogrammazioni del POR 2007/2013, compatibilmente con il termine finale di ammissibilità delle spese del POR ovvero da altre fonti di finanziamento statali e regionali.

L'intervento dovrà essere attuato nel rispetto della normativa comunitaria ed in particolare dei regolamenti comunitari n. 1083/2006, n. 1080/2006 e n. 1828/2006, della normativa a livello nazionale di cui al D.P.R. n. 196/2008 e dei criteri di selezione approvati dal Comitato di Sorveglianza del POR in data 31 marzo 2008, così come modificati nella riunione del Comitato stesso del 20/06/2012,con riferimento ai criteri di ammissibilità e dei criteri specifici di selezione relativi alla Linea di intervento 4.1. Conformemente a quanto previsto dall'art. 54 (par. 5) del Reg. (CE) n. 1083/06 e dall'art. 13 del Reg. (CE) n. 1828/06, le stesse spese non possano beneficiare dell'intervento di un altro strumento finanziario comunitario, né ricevere un doppio finanziamento attraverso altri programmi nazionali o comunitari o attraverso altri fondi relativi ad altri fonti di programmazione.

Il numero elevato di domande che si prevede perverranno nonché la complessità gestionale delle stesse richiedono un impegno in termini di risorse impegnate che ha indotto la Direzione Sistemi Informativi a ricercare l'acquisizione di un adeguato supporto inerente l'attività di assistenza tecnica per la selezione, istruttoria e gestione delle domande. A tal proposito si osserva che nell'ambito dell'Asse Prioritario 6 "Assistenza Tecnica", l'Azione 6.1.1 "Programmazione, gestione, attuazione, monitoraggio e controllo" si prevede l'affidamento di incarichi a soggetti esterni qualificati. Un'analisi, anche economica, delle varie possibilità, maturata di concerto con la Direzione Programmazione - Autorità di Gestione del POR CRO FESR 2007-2013, verificato che, ai sensi dell'art. 1, comma 450della Legge 27 dicembre 2006, n. 296, non sussistono Convenzioni/accordi quadro Consip e dal Mercato elettronico della pubblica amministrazione dei servizi necessari all'Amministrazione, ha permesso di individuare in Veneto Innovazione Spa il soggetto idoneo e particolarmente qualificato del quale avvalersi per le attività di assistenza tecnica che si ricercano.

Veneto Innovazione Spa è stata istituita con L.R. n. 45 del 6.9.1988, e negli ultimi anni è stata oggetto di alcuni provvedimenti della Giunta regionale (DGR n. 1196 del 26.5.2008, DGR n. 1750 del 1.7.2008, DGR n. 1944 del 30.6.2009 e DGR n. 2273 del 28.7.2009) finalizzati alla sua piena trasformazione in società "in house" e quindi dotata delle seguenti caratteristiche:

•    capitale interamente pubblico, posseduto al 100% dalla Regione;

•   esercizio del controllo analogo da parte della Regione;

•   attività esclusivamente svolta a favore dell'ente pubblico partecipante, cioè la Regione.

Con i suddetti provvedimenti regionali, si è provveduto alla modifica dello statuto e degli assetti societari al fine di adeguarli alle recenti evoluzioni normative e giurisprudenziali in materia di affidamenti diretti e di società strumentali di Enti Pubblici, di cui all'art. 1 comma 729 della L. 296 del 27.12.2006 e dell'art. 13 D.Lgs. n. 233 del 4.7.2006, convertito con L. 248/2006 e ss.mm.ii. In particolare ricadono nell'ambito d'applicazione del citato art. 13 del D.Lgs. n. 233 del 4.7.2006 le società che gestiscono appalti di forniture di beni e servizi a favore dei propri enti di riferimento, quali ad esempio la manutenzione, la formazione, la consulenza, i servizi d'ingegneria, i servizi per il territorio, l'ambiente e l'informatica.

L'importo massimo per attività di assistenza tecnica sopra indicata è stimato sulla base della pregressa esperienza in € 280.000,00, salvo ragguagli legati al numero di domande che dovessero pervenire in risposta al Bando; l'incarico verrà affidato a Veneto Innovazione S.p.a.; le spese verranno imputate all'Asse 6 "Assistenza Tecnica", l'Azione 6.1.1 "Programmazione, gestione, attuazione, monitoraggio e controllo" nel rispetto di quanto previsto dal Piano di Assistenza Tecnica del POR CRO FESR (2007-2013) approvato con delibera della Giunta Regionale n. 3888 del 4 dicembre 2007 e ss.mm.ii.

La Direzione Programmazione, Struttura Responsabile dell'Azione 6.1.1, si avvarrà della Direzione Sistemi Informativi in qualità di Struttura Incaricata dell'Attuazione (SIA) che opererà tramite il proprio dirigente quale responsabile unico del procedimento.

Tenuto conto che la società Veneto Innovazione S.p.a. è a partecipazione regionale totalitaria e che lo statuto societario esclude la possibilità che privati o imprese private partecipino alla compagine societaria;

Considerato che le previsioni contenute nello statuto sociale configurano l'esistenza di un controllo da parte della Regione sulla Società assimilabile a quello esercitato nei confronti dei propri servizi (c.d. controllo analogo).

I rapporti tra Regione e Veneto Innovazione S.p.a. sono regolati dalla convenzione di cui allo schema Allegato B alla presente nel quale schema all'articolo 2, comma 6 la società Veneto Innovazione S.p.a. è chiamata a dar conto del rispetto delle direttive di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 2951 del 14 dicembre 2010, così come integrata dalla deliberazione n. 258 del 05.03.2013, con particolare riferimento a quelle (lett. A) in materia di affidamento di lavori, forniture e servizi ed a quelle (lett. C) in materia di personale dipendente.

Si precisa che le spese previste con il presente atto non rientrano nelle tipologie soggette a limitazioni di cui alla L.R. 1/2011 in quanto costituiscono, rispettivamente, contributi per la fruizione di uno o più servizi informativi, applicativi e/o infrastrutturali, in modalità Cloud Computing e corrispettivo per la prestazione di attività di Assistenza Tecnica.

Il Relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, incaricato dell'istruzione dell'argomento in questione ai sensi dell'art. 53, 4° comma, dello Statuto, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione regionale e statale;

Visto il Reg. (CE) n. 1998/2006;

Visto il Reg. (CE) n. 1083/2006;

Visto il Reg. (CE) n. 1080/2006;

Visto il Reg. (CE) n. 1828/2006;

Richiamata la Decisione della Commissione Europea C (2007) 4247 del 7 settembre 2007, modificata con Decisione C (2012) 9310 del 11 dicembre 2012 e con Decisione C (2013) 3526 del 19 giugno 2013;

Visto l'art. 1, comma 450della Legge 27 dicembre 2006, n. 296

Visto il D.Lgs 123/1998;

Visto il D.P.R. n. 196/2008;

Vista la L.R. 10.01.1997, n. 1 e la conseguente D.G.R. n. 375/1997;

Vista la D.G.R. n. 331 del 9 marzo 2009;

Vista la D.G.R. n. 1650 del 07 agosto 2012;

Vista la D.G.R. n. 554 del 3 maggio 2013;

Vista la D.G.R. n. 1475 del 12 agosto 2013

TENUTO CONTO della sussistenza dei criteri richiesti per configurare Veneto Innovazione S.p.a. quale società in house della Regione del Veneto;

delibera

1.      Le premesse sono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

2.      di approvare, per le motivazioni indicate in premessa, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, il "Bando per la concessione di contributi alle PMI per l'accesso ai servizi digitali in modalità cloud computing", (Allegato A), a valere sull'Asse 4, linea di intervento 4.1 "Interventi di sviluppo e offerta di servizi e applicazioni per le PMI e gli Enti Locali", azione 4.1.3 "Interventi di aiuto alle PMI per l'accesso ai servizi telematici", codice azione 2A413,del Programma Operativo FESR Competitività Regionale ed Occupazione periodo 2007/2013 - Regione Veneto, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C (2007) 4247 del 7 settembre 2007, modificata con Decisione C (2012) 9310 del 11 dicembre 2012 e con Decisione C (2013) 3526 del 19 giugno 2013;

3.      di determinare in Euro 2.000.000,00.= (duemilioni/00 Euro) l'importo massimo delle obbligazioni di spesa derivanti dall'attuazione del citato bando alla cui assunzione provvederà con propri atti il dirigente regionale della Direzione Sistemi Informativi disponendo la copertura finanziaria a carico dei fondi stanziati sul capitolo n. 101269 "POR FESR 2007 - 2013 Asse 4, Accesso ai servizi di trasporto di telecomunicazione di interesse generale - Quota comunitaria, Reg.to Cee 11/07/2006, n. 1083" per un importo di euro 918.689,29= (euro novecento diciottomila seicento ottantanove / 29) e sul capitolo n. 101001 "POR FESR 2007 - 2013 Asse 4 - Accesso ai servizi di trasporto di telecomunicazione di interesse generale - Quota statale e regionale, Reg.to Cee 11/07/2006, n. 1083" per un importo di euro 1.081.310,71= (euro unmilioneottantunomilatrecentodieci/71), del bilancio 2013;

4.      di incaricare il Dirigente della Direzione Sistemi Informativi di provvedere con propri motivati decreti all'adozione di tutti gli atti inerenti e conseguenti a dare corso alla procedura a Bando di cui al punto 2) del presente dispositivo, compresa quindi l'approvazione della relativa modulistica, della graduatoria, l'assunzione dell'impegno di spesa e ogni altro eventuale adempimento;

5.      di nominare quale responsabile unico del procedimento il dirigente della Direzione Sistemi Informativi incaricandolo dell'adozione di tutti i necessari provvedimenti attuativi per l'affidamento dell'incarico di assistenza tecnica nel Bando di cui al punto 2) del presente dispositivo, nel rispetto di quanto indicato in premessa e in particolare della richiesta di offerta a Veneto Innovazione S.p.a., della sottoscrizione della relativa convenzione, secondo lo schema Allegato B) al presente provvedimentoquale parte integrante del medesimo che contestualmente si approvae dell'adozione del relativo impegno di spesa a carico dei fondi stanziati sul capitolo n. 101271 "Asse 6 Assistenza tecnica quota comunitaria" e sul capitolo n. 101273 "Asse 6 Assistenza tecnica quota statale e regionale" (Cod. Az. 2A611), del bilancio 2013;

6.      di dare atto che le spese per la concessione di contributi per la fruizione di uno o più servizi informativi, applicativi e/o infrastrutturali, in modalità Cloud Computing, di cui al Bando dell'azione 4.1.3. "Interventi di aiuto alle PMI per l'accesso ai servizi telematici" del POR FESR 2007 - 2013 e per le relative attività di assistenza tecnica per l'istruttoria e gestione delle domande che saranno presentate non rientrano nelle tipologie soggette a limitazione di cui alla L.R. 1/2011 per le motivazioni esposte in premessa da considerarsi parte integrante del presente provvedimento;

7.      di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi degli articoli 23 e 26 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33;

8.      di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino ufficiale della Regione.

 

(seguono allegati)

1849_AllegatoA_259946.pdf
1849_AllegatoB_259946.pdf

Torna indietro