Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 20 del 09/02/2024
Scarica la versione firmata del BUR n. 20 del 09/02/2024
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 20 del 09 febbraio 2024


Materia: Designazioni, elezioni e nomine

Decreto DEL DIRETTORE GENERALE DELL' AREA SANITA' E SOCIALE n. 6 del 26 gennaio 2024

Decreto n. 112 del 10.08.2023. Gruppo di Lavoro per l'elaborazione di una proposta di aggiornamento della DGR n.140 del 26 febbraio 2016 a seguito dell'introduzione del Piano Integrato di Attività e Organizzazione (PIAO). Modifica composizione.

Note per la trasparenza

Con il presente decreto si modifica la composizione del Gruppo di Lavoro regionale istituito per elaborare un documento di proposta di Linee guida di sintesi su ruolo e attribuzioni dell’organismo Indipendente di Valutazione delle Aziende Sanitarie regionali per l’adeguamento regionale ai principi normativi nazionali per l’adozione del Piano Integrato di Attività e Organizzazione, istituito con DDR n. 112/2023. Il presente decreto sostituisce il DDr n. 112/2023 e fa salve le attività poste in essere dal Gruppo di Lavoro.

Il Direttore generale

VISTA la DGR n. 140 del 26 febbraio 2016 “Organismi Indipendenti di Valutazione delle Aziende del Servizio Sanitario Regionale. Approvazione delle Linee guida relative alla costituzione, al funzionamento e alle competenze attribuite agli Organismi predetti, in conformità alle disposizioni nazionali e regionali in materia. DGR n. 84/CR del 15/10/2015 (L.R. 22/2011, art. 1, comma 2)” con la quale la Giunta regionale ha approvato delle Linee guida relative alla costituzione, al funzionamento e alle competenze attribuite agli Organismi predetti, in conformità alle disposizioni nazionali e regionali in materia e definito nell’Allegato A, rispetto al Piano della perfomance, alcuni riferimenti metodologici e contenuti essenziali suggeriti.

VISTO che l’art. 6 del decreto-legge 9 giugno 2021, n. 80, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2021, n. 113 prevede che “per assicurare la qualità e la trasparenza dell’attività amministrativa e migliorare la qualità dei servizi ai cittadini e alle imprese e procedere alla costante e progressiva semplificazione e reingegnerizzazione dei processi anche in materia di diritto di accesso, le pubbliche amministrazioni, con esclusione delle scuole di ogni ordine e grado e delle istituzioni educative, di cui all'art. 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, con più di cinquanta dipendenti, entro il 31 gennaio di ogni anno adottano il Piano integrato di attività e organizzazione”.

VISTO che in particolare il citato articolo 6 del D.L. 80/2021 prevede che il Piano contenga:

- gli obiettivi programmatici e strategici della performance;

- la strategia di gestione del capitale umano e di sviluppo organizzativo, anche mediante il ricorso al lavoro agile, e gli obiettivi formativi annuali e pluriennali;

- gli strumenti e gli obiettivi del reclutamento di nuove risorse e della valorizzazione delle risorse interne;

- gli strumenti e le fasi per giungere alla piena trasparenza dell’attività e dell’organizzazione amministrativa nonché per raggiungere gli obiettivi in materia di anticorruzione;

- l’elenco delle procedure da semplificare e reingegnerizzare ogni anno, anche mediante il ricorso alla tecnologia e sulla base della consultazione degli utenti, nonché la pianificazione delle attività;

- le modalità e le azioni finalizzate a realizzare la piena accessibilità alle amministrazioni, fisica e digitale, da parte dei cittadini ultrasessantacinquenni e dei cittadini con disabilità;

- le modalità e le azioni finalizzate al pieno rispetto della parità di genere, anche con riguardo alla composizione delle commissioni esaminatrici dei concorsi.

VISTO che nel medesimo articolo 6 del D.L. 80/2021 si dispone che con uno o più D.P.R. vengano individuati e abrogati gli adempimenti relativi ai piani assorbiti dal Piano Integrato di Attività e Organizzazione e che il Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, previa intesa in sede di Conferenza unificata, adotti un Piano tipo quale strumento di supporto alle amministrazioni.

VISTO che con Decreto del Presidente della Repubblica 24 Giugno 2022, n. 81 è stato definito il Regolamento che individua gli adempimenti relativi ai Piani assorbiti dal Piano integrato di attività e organizzazione e che, per le amministrazioni tenute alla redazione del PIAO, tutti i richiami ai piani individuati all’art. 1.1 sono da intendersi come riferiti alla corrispondente sezione del PIAO.

VISTO che con Decreto n. 132 del 30 giugno 2022 del Dipartimento della Funzione Pubblica è stato, inoltre, elaborato il “Regolamento recante definizione del contenuto del Piano integrato di attività e organizzazione” prevedendo che le pubbliche amministrazioni conformano il Piano integrato di attività e organizzazione alla struttura e alle modalità redazionali indicate dal decreto stesso.

CONSIDERATO che all’interno di questo quadro nazionale lo stesso art. 6 del D.L. 80/2021, al comma 7 bis ha precisato che “Le Regioni, per quanto riguarda le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale, adeguano i rispettivi ordinamenti ai principi di cui al presente articolo e ai contenuti del Piano tipo definiti con il decreto di cui al comma 6.”

CONSIDERATO che, a seguito dell’introduzione del Piano Integrato di Organizzazione e Attività (PIAO) e della previsione di adeguamento a livello regionale del piano stesso, la Giunta regionale ha fornito con deliberazione n. 1717 del 30/12/2022 specifiche indicazioni alle Aziende e gli Enti del SSN con l’obiettivo di favorire il quadro di armonizzazione dei diversi documenti che entrano a far parte del Piano e che, in alcuni casi, sono legati a specifici provvedimenti regionali e scadenze diversificate, approvando le "Linee guida per la predisposizione del Piano Integrato di Attività e Organizzazione delle Aziende e gli Enti del Servizio Sanitario Regionale”.

CONSIDERATO che, con medesima deliberazione n. 1717/2022 la Giunta regionale ha incaricato il Direttore Generale dell'Area Sanità e Sociale di presentare alla Giunta Regionale una proposta di aggiornare i contenuti della DGR n. 140 del 26 febbraio 2016 “Organismi Indipendenti di Valutazione delle Aziende del Servizio Sanitario Regionale. Approvazione delle Linee guida relative alla costituzione, al funzionamento e alle competenze attribuite agli Organismi predetti, in conformità alle disposizioni nazionali e regionali in materia. DGR n. 84/CR del 15/10/2015 (L.R. 22/2011, art. 1, comma 2)”.

CONSIDERATO di voler rafforzare ulteriormente la coerenza tra i documenti programmatori aziendali e quelli regionali, in primis il Piano Socio Sanitario Regionale, da cui deriva l'intero sviluppo delle azioni strategiche delle aziende sanitarie in una visione complessiva del sistema sanitario regionale.

RICHIAMATO il proprio Decreto n. 112 del 10 agosto 2023 con il quale si è provveduto alla Istituzione del Gruppo di Lavoro composto da professionisti di comprovata esperienza, con il compito di elaborare una proposta di aggiornamento dei contenuti della DGR n. 140 del 26 febbraio 2016, con particolare riferimento agli adeguamenti che si rendano necessari a seguito della normativa PIAO, identificando come Coordinatore del Gruppo in parola il dott. Mauro Bonin, Direttore della Direzione Programmazione e Controllo SSR, attese le conoscenze maturate in materia.

EVIDENZIATA la necessità di provvedere alla modifica della composizione dello stesso formalizzando, tra l'altro, la partecipazione al gruppo della dott.ssa Giovanna Galifi che già partecipa ai lavori.

PREMESSO quanto sopra, si stabilisce che il Gruppo di Lavoro citato sia formato dai seguenti componenti:

  • dott. Mauro Bonin, Direttore della Direzione Programmazione e Controllo SSR – Regione del Veneto, con il ruolo di Coordinatore, o suo delegato;
  • dott. Claudio Costa, Direttore della Direzione Risorse Umane del SSR – Regione del Veneto, o suo delegato;
  • dott.ssa Silvia Vigna, Dirigente a supporto della Direzione Programmazione e Controllo SSR – Regione del Veneto, o suo delegato;
  • dott.ssa. Giovanna Galifi, Funzionario P.O., referente anticorruzione e privacy dell’Area Sanità e Sociale – U.O. Legislazione sanitaria e Contenzioso - Regione del Veneto; 
  • dott. Domenico Bagnara e dott.ssa Giulia Zumerle, referenti delle Aziende Sanitarie del Controllo di gestione;
  • dott.ssa Michela Zanella, referente delle Aziende Sanitarie della Gestione Risorse Umane; 
  • dott.ssa Marzia Volpato, referente delle Aziende Sanitarie dell'Anticorruzione e Trasparenza.

EVIDENZIATO che la nuova composizione del Gruppo di Lavoro non impatta sui lavori già posti in essere e che pertanto vengono fatti salvi.

VISTO il Decreto Legge 9 giugno 2021, n. 80, convertito, con modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2021. n. 113;

VISTO il Decreto Interministeriale 30 giugno 2022, n.132;

VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 81 del 24 Giugno 2022;

VISTA la DGR n. 140 del 26 febbraio 2016;

VISTA la DGR n. 677 del 15 maggio 2018;

VISTA la DGR n. 1717 del 30 dicembre 2022;

VISTO il DDR n. 112 del 10 agosto 2023;

VISTO l'articolo 2, comma 2, lett. o), della L.R. 31 dicembre 2012, n. 54.

decreta

  1. di ritenere le premesse parte integrante e sostanziale del presente atto;
  2. di modificare la composizione del Gruppo di lavoro già istituito con proprio Decreto n. 112 del 10 agosto 2023 con la seguente:
    • dott. Mauro Bonin, Direttore della Direzione Programmazione e Controllo SSR – Regione del Veneto, con il ruolo di Coordinatore, o suo delegato;
    • dott. Claudio Costa, Direttore della Direzione Risorse Umane del SSR – Regione del Veneto, o suo delegato;
    • dott.ssa Silvia Vigna, Dirigente a supporto della Direzione Programmazione e Controllo SSR – Regione del Veneto, o suo delegato;
    • dott.ssa. Giovanna Galifi, Funzionario P.O., Referente Anticorruzione e Privacy dell’Area Sanità e Sociale – U.O. Legislazione sanitaria e Contenzioso - Regione del Veneto; 
    • dott. Domenico Bagnara e dott.ssa Giulia Zumerle, referenti delle Aziende Sanitarie del Controllo di gestione;
    • dott.ssa Michela Zanella, referente delle Aziende Sanitarie della Gestione Risorse Umane; 
    • dott.ssa Marzia Volpato, referente delle Aziende Sanitarie dell'Anticorruzione e Trasparenza.
  3. di confermare l’incarico del Gruppo di Lavoro, già assegnato con proprio Decreto n. 112 del 10 agosto 2023, di elaborare una proposta di aggiornamento dei contenuti della DGR n. 140 del 26 febbraio 2016, con particolare riferimento agli adeguamenti che si rendano necessari a seguito della normativa PIAO, identificando come Coordinatore del Gruppo in parola il dott. Mauro Bonin, Direttore della Direzione Programmazione e Controllo SSR, attese le conoscenze maturate in materia;
  4. di fare salvi i lavori e le attività già poste in essere dal Gruppo di Lavoro istituito con con Decreto n. 112 del 10 agosto 2023;
  5. di stabilire che ai lavori del Gruppo possano partecipare anche altri professionisti individuati a seconda degli ambiti tematici da analizzare;
  6. di dare atto che ai componenti del Gruppo di lavoro in oggetto e ad eventuali altri esperti non è riconosciuto alcun compenso;
  7. di dare atto che il presente provvedimento non comporta spese a carico del bilancio regionale;
  8. di dare atto, altresì che il presente provvedimento sostituisce il Decreto n. 112 del 10.08.2023;
  9. di incaricare la Direzione Risorse Umane SSR di dare attuazione al presente provvedimento;
  10. di disporre la pubblicazione del presente decreto nel BUR in forma integrale.

Massimo Annicchiarico

Torna indietro