Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 9 del 19 gennaio 2024


Materia: Servizi sociali

Decreto DEL DIRETTORE DELLA UNITA' ORGANIZZATIVA FAMIGLIA, MINORI, GIOVANI E SERVIZIO CIVILE n. 141 del 16 novembre 2023

Approvazione dei rendiconti degli Ambiti Territoriali Sociali relativi alla sperimentazione del "Fattore Famiglia", di cui alla D.G.R. n. 1277 del 18 ottobre 2022 e al D.D.R. n. 113 del 10 novembre 2022. Accertamento d'entrata a seguito di minori spese.

Note per la trasparenza

Con il presente atto, si approvano i rendiconti presentati dagli Ambiti Territoriali Sociali relativamente alla sperimentazione del “Fattore Famiglia”, di cui alla D.G.R. n. 1277 del 18 ottobre 2022 e al D.D.R. n. 113 del 10 novembre 2022, disponendo il relativo accertamento d’entrata a fronte di minori spese da parte degli Ambiti Territoriali Sociali.

Il Direttore

RICHIAMATA la D.G.R. n. 1277 del 18 ottobre 2022, la quale ha previsto, fra l’altro:

di proseguire, presso gli Ambiti Territoriali Sociali, nell’applicazione sperimentale del “Fattore Famiglia” (di cui all’articolo 3 della legge regionale n. 20 del 28 maggio 2020), per favorire la fruizione dei servizi all’infanzia 0-3 anni, prevedendo un contributo una-tantum minimo di euro 400,00 e uno massimo di 800,00 per minore frequentante nel periodo 1 settembre 2022 - 31 agosto 2023;

di disporre la copertura finanziaria a carico dei fondi stanziati nel capitolo di spesa:

  • n. 102039 denominato “Fondo nazionale per le politiche sociali - interventi per l'infanzia - trasferimenti correnti (art. 20, l. 08/11/2000, n.328 - art. 80, c. 17, l. 23/12/2000, n.388)”, per euro 4.576.917,32;
  • n. 103389 denominato “Fondo nazionale per le politiche sociali - interventi per gli anziani - trasferimenti correnti (art. 20, l. 08/11/2000, n.328 - art. 80, c. 17, l. 23/12/2000, n.388)”, per euro 323.082,68,

del Bilancio di previsione 2022-2024, esercizio 2022;

che il finanziamento agli Ambiti Territoriali Sociali avvenga in base alle disposizioni dell’Allegato A alla deliberazione;

di incaricare il Direttore della U.O. Famiglia, Minori, Giovani e Servizio Civile dell’esecuzione degli indirizzi espressi con la deliberazione;

VISTO il D.D.R. n. 113 del 10 novembre 2022, con il quale, in adempimento alle disposizioni della D.G.R. n. 1277 del 18 ottobre 2022, è stato disposto, fra l’altro:

di far proprio il “Riparto delle risorse destinate agli Ambiti Territoriali Sociali”, di cui all’Allegato A alla D.G.R. n. 1277 del 18 ottobre 2022, che ha quantificato le risorse da destinare a ciascun Ambito Territoriale Sociale;

di approvare il riparto delle risorse agli Ambiti Territoriali Sociali e il modulo “Rendicontazione della sperimentazione del Fattore Famiglia”, di cui, rispettivamente, agli Allegati A e B al medesimo decreto, con la prescrizione di inoltrare l’Allegato B entro il 31 luglio 2023;

di assegnare e impegnare l’importo complessivo di euro 4.900.000,00 a favore degli Ambiti Territoriali Sociali, con imputazione ai seguenti capitoli:

  • n. 102039 denominato “Fondo nazionale per le politiche sociali - interventi per l'infanzia - trasferimenti correnti (art. 20, l. 08/11/2000, n.328 - art. 80, c. 17, l. 23/12/2000, n.388)”, per euro 4.576.917,32;
  • n. 103389 denominato “Fondo nazionale per le politiche sociali - interventi per gli anziani - trasferimenti correnti (art. 20, l. 08/11/2000, n.328 - art. 80, c. 17, l. 23/12/2000, n.388)”, per euro 323.082,68,

del Bilancio di previsione 2022-2024, esercizio 2022, art. 002, con i PdC indicati nell’Allegato A, come da All.to 6/1 del D.lgs. 118/2011 e s.m.i.;

di liquidare gli importi di cui ai punti a esecutività del provvedimento;

che, nel caso in cui la spesa rendicontata fosse inferiore a quella concessa dalla Regione, l’Ambito Territoriale Sociale, sarebbe stato tenuto alla restituzione della maggiore erogazione;

VISTO il D.D.R. numero 42 del 18 aprile 2023, avente ad oggetto “Differimento del termine della rendicontazione dell’applicazione sperimentale del Fattore Famiglia, prevista dalla deliberazione numero 1277 del 18 ottobre 2022 della Giunta Regionale, dal 31 luglio 2023 al 30 settembre 2023”;

PRESO ATTO che gli Ambiti Territoriali Sociali hanno presentato la rispettiva rendicontazione afferente alle attività in oggetto, per gli importi riportati nell’Allegato A, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento (colonna “Rendicontato”);

dell’inoltro, a tutti gli Ambiti Territoriali Sociali, della comunicazione inerente agli esiti istruttori, ai sensi della L. 241/1990 (colonna “Numero e data di protocollo della lettera esiti istruttori”);

della mancata controdeduzione, da parte dei medesimi Ambiti Territoriali Sociali, nei termini previsti;

VISTO il D.lgs. del 23/06/2011 n. 118 come modificato e integrato con il D.lgs. del 10/08/2014 n. 126, art. 53 “Accertamenti” che definisce elementi essenziali, principi e modalità per la registrazione contabile ed imputazione a Bilancio delle obbligazioni giuridicamente perfezionate attive;

RITENUTO di dover approvare, sulla base di quanto sopra esposto, gli esiti istruttori sulle rendicontazioni dell’applicazione sperimentale del “Fattore Famiglia”, di cui alla D.G.R. 1277 del 18 ottobre 2022 e al D.D.R. n. 113 del 10 novembre 2022, come riportato nell’Allegato A al presente provvedimento, parte integrante e sostanziale del medesimo;

di disporre l’accertamento per il recupero delle maggiori erogazioni della Regione del Veneto, per complessivi euro 2.025.204,54, relativamente ai crediti verso i soggetti con evidenza nella colonna “Importi da accertare” dell’Allegato A e con le specifiche e l’esigibilità riportate nell’Allegato B contabile, ai sensi dell’art. 53 D.lgs. 118/2011 e s.m.i., allegato 4/2, principio 3.2;

che gli importi di cui agli accertamenti citati debbano essere restituiti, da ciascun Comune capofila di Ambito Territoriale Sociale, entro 30 giorni dalla trasmissione del presente provvedimento, mediante girofondo a favore della Contabilità Speciale Infruttifera numero 0030522 intestata alla Regione Veneto, attiva presso la Banca d'Italia - Sezione della Tesoreria Provinciale di Venezia; 

DATO ATTO che le obbligazioni attive, di natura non commerciale, per le quali si dispone l’accertamento con il presente atto sono giuridicamente perfezionate ed esigibili con le specifiche riportate nell’Allegato B contabile e che il programma delle riscossioni è compatibile con gli stanziamenti di bilancio e le regole di finanza pubblica;

che i crediti di cui alle obbligazioni attive non sono garantite da polizza fideiussoria;

che il presente provvedimento non comporta spese a carico del Bilancio regionale; 

che la spesa di cui al presente provvedimento non rientra nelle fattispecie per le quali è previsto il CUP;

VISTI il D.lgs. n. 118/2011 e il successivo D.lgs. n. 126/2014 integrativo e correttivo del precedente;

la L.R. n. 39/2001; n. 54/2012 e n. 32/2022;

il regolamento regionale 31 maggio 2016, n. 1;

il DDR numero 1 del 5 gennaio 2022 del Direttore della Direzione Servizi Sociali, avente ad oggetto “Regolamento regionale 31 maggio 2016, n. 1, art. 5: individuazione degli atti e provvedimenti amministrativi dei Direttori delle unità organizzative ‘Famiglia, Minori, Giovani e Servizio Civile’, ‘Non Autosufficienza’, ‘Dipendenze, Terzo Settore, Nuove Marginalità e Inclusione Sociale’ ”;

la documentazione agli atti;

decreta

  1. che le premesse, l’Allegato A e l’Allegato B contabile, costituiscono parti integranti e sostanziali del presente dispositivo;
  1. l’approvazione, sulla base di quanto sopra esposto, degli esiti istruttori sulle rendicontazioni dell’applicazione sperimentale del “Fattore Famiglia”, di cui alla D.G.R. 1277 del 18 ottobre 2022 e al D.D.R. n. 113 del 10 novembre 2022, come riportato nell’Allegato A;
  1. di accertare, per il recupero delle maggiori erogazioni della Regione del Veneto, complessivi euro 2.025.204,54, relativamente ai crediti verso i soggetti con evidenza nella colonna “Importi da accertare” dell’Allegato A e con le specifiche e l’esigibilità riportate nell’Allegato B contabile, ai sensi dell’art. 53 D.lgs. 118/2011 e s.m.i., allegato 4/2, principio 3.2. Il correlato capitolo di spesa è il n. 102039 denominato Fondo nazionale per le politiche sociali - interventi per l'infanzia - trasferimenti correnti (art. 20, l. 08/11/2000, n.328 - art. 80, c. 17, l. 23/12/2000, n.388);
  1. di disporre che gli importi di cui agli accertamenti citati debbano essere restituiti, da ciascun Comune capofila di Ambito Territoriale Sociale, entro 30 giorni dalla trasmissione del presente provvedimento, mediante girofondo a favore della Contabilità Speciale Infruttifera numero 0030522 intestata alla Regione Veneto, attiva presso la Banca d'Italia - Sezione della Tesoreria Provinciale di Venezia; 
  1. di dare atto che le obbligazioni attive, di natura non commerciale, per le quali si dispone l’accertamento con il presente atto sono giuridicamente perfezionate ed esigibili con le specifiche riportate nell’Allegato B contabile e che il programma delle riscossioni è compatibile con gli stanziamenti di bilancio e le regole di finanza pubblica;
  1. di attestare la regolarità amministrativa del provvedimento;
  1. di dare atto che il presente decreto non comporta spesa a carico del bilancio regionale;
  1. la trasmissione del presente atto alla Direzione Bilancio e Ragioneria, per quanto di competenza;
  1. la trasmissione del presente atto ai Comuni di cui all’Allegato A;
  1. di informare che avverso il presente provvedimento può essere proposto ricorso giurisdizionale avanti il Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni dall’avvenuta conoscenza ovvero, alternativamente, ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni, fatta salva diversa determinazione dell’interessato;
  1. di pubblicare il presente decreto, in forma integrale, nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Pasquale Borsellino

(seguono allegati)

141_Allegato_A_DDR_141_16-11-2023_520625.pdf
141_Allegato_B_DDR_141_16-11-2023_520625.pdf

Torna indietro