Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 1 del 02 gennaio 2024


Materia: Formazione professionale e lavoro

Decreto DEL DIRETTORE DELLA DIREZIONE FORMAZIONE E ISTRUZIONE n. 1489 del 02 novembre 2023

Accertamento ai sensi art. 53 D.Lgs 118/2011 e s.m.i. Approvazione del rendiconto 1098-0001-301-2019 presentato da CESAR SRL. (codice ente 1098). (codice SIU 10205526). POR FSE Regione Veneto 2014/2020 Reg.to UE n. 1303/2013 e n. 1304/2013. 3B3I1S DGR n. 301 del 19/03/2019, "Scuola Innovativa. Percorsi per le Competenze Trasversali e per l'Orientamento". DDR n. 808 del 10/07/2019. CUP H38H19000370007.

Note per la trasparenza

Il provvedimento approva il rendiconto delle attività effettivamente svolte per la realizzazione di progetti finalizzati a permettere ai giovani studenti di sviluppare un nuovo approccio all’apprendimento e a una maggiore sensibilità all’imprenditorialità.
Dispone altresì l’accertamento in entrata, ai sensi art. 53, D.Lgs. 118/2011 e s.m.i., in relazione al credito determinato dalla minor spesa ammessa rispetto ai pagamenti già erogati in anticipo ed in acconto, per il progetto 1098-0001-301-2019 (Codice SIU 10205526).

Il Direttore

PREMESSO CHE con Dgr n. 301 del 19/03/2019 la Giunta Regionale ha approvato l’apertura dei termini per la presentazione di proposte progettuali finalizzate a permettere ai giovani studenti di sviluppare un nuovo approccio all’apprendimento e a una maggiore sensibilità all’imprenditorialità.

PREMESSO CHE il DDR n. 429 del 5/04/2019 ha approvato la modulistica e la guida alla progettazione;

PREMESSO CHE il DDR n. 698 del 22/05/2019 ha nominato il Nucleo di valutazione dei progetti;

PREMESSO CHE il DDR n. 808 del 10/07/2019 ha approvato le risultanze dell’istruttoria e del procedimento di valutazione delle suddette attività formative, concedendo all’ente CESAR SRL un contributo per un importo pubblico di euro 57.920,85 per la realizzazione del progetto n. 1098-0001-301-2019; 

PREMESSO CHE il DDR n. 808 del 10/07/2019 ha approvato il finanziamento dei progetti ammessi di cui all’Allegato B e ha contestualmente assunto impegni di spesa per un importo complessivo di € 1.000.000,00 a carico dei capitoli n. 102350, n. 102351 e n. 102434 del bilancio regionale 2019-2021;

PREMESSO CHE il DDR n. 500 del 08/06/2020 ha prorogato i termini di avvio dei progetti;

PREMESSO CHE il DDR n. 449 del 3/06/2021 ha autorizzato i beneficiari a procedere in modo autonomo all’organizzazione dell’attività “evento finale”;

PREMESSO CHE il DDR n. 652 del 29/06/2021 ha prorogato ulteriormente termini di conclusione dei progetti a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019;

PREMESSO CHE i DDR n. 847 del 26/07/2021, n. 1079 del 24/09/2021, n. 1337 del 26/11/2021 e n. 48 del 21/01/2022 hanno disposto delle proroghe di apertura dei termini per la presentazione dei rendiconti;

PREMESSO CHE il DDR n. 234 del 17/03/2022 ha disposto l’apertura dei termini di presentazione del rendiconto;

RICHIAMATA la Deliberazione n. 1171 del 06/08/2019 con la quale è stata autorizzata l’indizione di una gara a procedura aperta ai sensi dell’art. 60 del D.lgs. n. 50/2016 (“Codice dei contratti pubblici”), per l’affidamento del servizio di controllo della documentazione e certificazione dei rendiconti relativi alle attività formative e agli interventi di politica attiva del lavoro realizzati da soggetti terzi nell’ambito del Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo 2014/2020 Regione del Veneto e a valere su risorse statali e regionali e del servizio di controllo degli agenti contabili esterni ai sensi del D.lgs. n. 174 del 26/08/2016;

VISTO il DDR n. 136 del 19/02/2020 con il quale il Direttore della Direzione Formazione e Istruzione ha disposto l’aggiudicazione del servizio di cui alla DGR n. 1171/2019, a favore della Società ACG Auditing & Consulting Group S.r.l., conseguentemente, è compito e responsabilità della predetta Società eseguire le verifiche rendicontali relative alle attività e/o alla documentazione di spesa del soggetto beneficiario, certificandone alla Regione gli esiti, in conformità a quanto previsto dal richiamato contratto d’appalto;

PREMESSO CHE con DDR n. 291 del 30/03/2022 e DDR n. 511 del 14/04/2023 della Direzione Formazione e Istruzione è stata concessa al suddetto affidatario una proroga del termine di esecuzione del servizio;

CONSIDERATO CHE l’ente beneficiario ha sottoscritto il previsto Atto di Adesione;

CONSIDERATO CHE il soggetto beneficiario ha presentato alla Regione del Veneto polizza fideiussoria a garanzia del regolare svolgimento dell’attività e in particolare della restituzione delle anticipazioni e rimborsi;

CONSIDERATO CHE in relazione al progetto di che trattasi, dopo la verifica alle domande di rimborso presentate, al soggetto beneficiario in questione sono stati corrisposti anticipazioni per complessivi euro 40.544,60;

CONSIDERATO CHE è stato visto il rendiconto presentato da CESAR SRL;

PRESO ATTO della disponibilità dell’ente beneficiario ad effettuare la verifica rendicontale 07/07/2022;

CONSIDERATO CHE, come disposto nell’Allegato A al Decreto del Direttore dell’Area Capitale, Cultura e Programmazione Comunitaria n. 26 del 11/06/2020 e dal Decreto del Direttore dell’Autorità di gestione n. 5 del 1/04/2022, la verifica rendicontale è stata eseguita da remoto con l’obiettivo di ottimizzare i controlli;

CONSIDERATO CHE la Società incaricata sopra menzionata ha consegnato alla Regione del Veneto, la relazione di certificazione in ordine alle risultanze finali della rendicontazione relativa al corso in esame, presentata dal beneficiario in questione, attestando un importo ammissibile di complessivi euro 39.605,50;

CONSIDERATO CHE il soggetto beneficiario, ha accettato le risultanze contabili di cui alla predetta relazione;

VERIFICATA la regolarità della predetta relazione di certificazione della Società, sotto l’aspetto della correttezza formale;

RITENUTO, quindi, di approvare il rendiconto di spesa presentato dal soggetto beneficiario in questione per il progetto in esame secondo le risultanze della citata relazione della Società incaricata, di modo che si sostanzia un credito regionale pari a euro 939,10 quale capitale;

RITENUTO, pertanto, di procedere all’accertamento per competenza di euro 939,10 a titolo di capitale, ai sensi art. 53 D.Lgs. 118/2011 e s.m.i., allegato 4/2, principio 3.2, in relazione al credito determinato dalla minor spesa ammessa rispetto ai pagamenti effettuati in sede di anticipo e acconti, vantato nei confronti di CESAR SRL (codice ente 1098, codice fiscale 01856980246, anagrafica SIU A0106682);

VISTO il D.Lgs.118 del 23/06/2011 e s.m.i.;

VISTA la Legge Regionale 23/12/2022, n. 32 “Bilancio di previsione 2023-2025”;

VISTA la DGR n. 1665 del 30/12/2022 “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento al bilancio di previsione 2023-2025”;

VISTO il Decreto del Direttore dell’Area Risorse Finanziarie, Strumentali, ICT ed Enti Locali, n. 71 del 30/12/2022 di approvazione del “Bilancio Finanziario Gestionale 2023-2025” adottato a seguito di delega, conferita con DSGP n. 15 del 28/12/2022, ai sensi art. 9, comma 2, L.R. 39/2001;

VISTA la DGR n. 60 del 23/01/2023 - "Direttive per la gestione del Bilancio di Previsione 2023-2025";

ATTESA la compatibilità con la vigente legislazione comunitaria, statale e regionale;

VISTA la L.R. 54 del 31/12/2012, come modificata dalla L.R. n. 14 del 17/05/2016, in ordine a compiti e responsabilità di gestione attribuite ai direttori;

decreta

  1. di dare atto che quanto espresso nella premessa del presente provvedimento ne costituisce parte integrante e sostanziale;
  2. di approvare il rendiconto presentato da CESAR SRL (codice ente 1098, codice fiscale 01856980246, anagrafica SIU A0106682), per un importo ammissibile di euro 39.605,50 a carico della Regione secondo le risultanze della relazione di certificazione trasmessa dalla Società incaricata relativa al progetto 1098-0001-301-2019, Dgr n. 301 del 19/03/2019 e DDR n. 808 del 10/07/2019;
  3. di dare atto che sono stati corrisposti al beneficiario rimborsi e anticipazioni per complessivi euro 40.544,60;
  4. di chiedere a CESAR SRL e per conoscenza, ai sensi della L. 241/90 e successive modificazioni ed integrazioni, al suo fidejussore, nei termini delle condizioni di garanzia, entro e non oltre 60 giorni dalla notifica del presente decreto, l’importo di euro 939,10, pari alla differenza tra l’importo ammesso e gli acconti precedentemente erogati. Decorso inutilmente detto termini, si procederà all’escussione della polizza fidejussoria per la parte relativa alle somme non restituite, maggiorate degli interessi dalla data di notifica del presente decreto alla data di effettiva restituzione;
  5. di procedere all’accertamento per competenza di euro 939,10 a titolo di capitale, ai sensi art. 53 D.Lgs. 118/2011 e s.m.i., allegato 4/2, principio 3.2, in relazione al credito determinato dalla minore spesa ammessa rispetto ai pagamenti effettuati in sede di anticipo e acconti, vantato nei confronti di CESAR SRL (codice ente 1098, codice fiscale 01856980246, anagrafica SIU A0106682), secondo le specifiche e l’esigibilità di cui all’Allegato A “Allegato Contabile”, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  6. di demandare la registrazione di economie di spesa in sede di riaccertamento ordinario dei residui al 31/12/2023 di cui all’art. 3, comma 4, D.Lgs. 118/2011 e s.m.i.
  7. di dare atto che il credito da reintroitare è garantito dalla fidejussione n. M13404612 del valore di euro 40.544,60, emessa da ITAS - ISTITUTO TRENTINO-ALTO ADIGE PER ASSICURAZIONI SOCIETA' MUTUA DI ASSICURAZIONI (ITALIA) in data 02/09/2019, ancora agli atti della Direzione Formazione e Istruzione alla data del presente atto;
  8. di comunicare a CESAR SRL il presente decreto;
  9. di trasmettere il presente decreto alla Direzione Bilancio e Ragioneria per l’apposizione del visto di regolarità contabile al fine del perfezionamento dell’efficacia;
  10. di pubblicare il presente atto integralmente nel Bollettino Ufficiale della Regione;
  11. di informare che avverso il presente atto è ammesso ricorso avanti il Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni dell’avvenuta conoscenza ovvero, alternativamente, avanti il Capo dello Stato entro 120 giorni, salva rimanendo la competenza del Giudice Ordinario, entro i limiti prescrizionali, per l’impugnazione del provvedimento.

Massimo Marzano Bernardi

(seguono allegati)

1489_Allegato_A_DDR_1489_02-11-2023_519032.pdf

Torna indietro