Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 112 del 20/09/2022
Scarica la versione firmata del BUR n. 112 del 20/09/2022
Scarica versione stampabile Decreto

Bur n. 112 del 20 settembre 2022


Materia: Servizi sociali

Decreto DEL DIRETTORE DELLA DIREZIONE SERVIZI SOCIALI n. 10 del 14 settembre 2022

Costituzione del gruppo di lavoro per l'area anziani previsto dalla DGR n. 996/2022 funzionale ad adeguare gli standard assistenziali dei centri di servizio per persone di norma anziane non autosufficienti.

Note per la trasparenza

Costituzione del gruppo di lavoro previsto con DGR n. 996/2022 per adeguare gli standard assistenziali dei centri di servizio per persone di norma anziane non autosufficienti al nuovo sistema caratterizzato da un'unica quota sanitaria e dall’eliminazione delle distinzioni tra Unità di Offerta per persone non autosufficienti di 1° e 2° livello.

Il Direttore

VISTO il Piano Socio Sanitario 2019-2023 della Regione Veneto approvato con LR n. 48/2018 che, a fronte della complessità dei bisogni delle persone, della molteplicità delle relazioni, delle specificità territoriali e della pluralità delle competenze necessarie per una cura appropriata e sicura, identifica, tra gli altri, come luoghi di cura le strutture socio-sanitarie residenziali e semiresidenziali, che si articolano in Centri di Servizi per anziani, per disabili, per le dipendenze, età evolutiva e la salute mentale.

CONSIDERATO che a causa della continua evoluzione dei processi di invecchiamento della popolazione, del mutamento del quadro epidemiologico delle patologie che interessano la cosiddetta “long term care” e, non da ultimo, dell’impatto che ha avuto l’emergenza sanitaria causata dal virus Sars Cov-2, si è reso necessario un intervento strutturale sul sistema della residenzialità extraospedaliera per persone anziane non autosufficienti.

PRESO ATTO che l’analisi dei dati restituiti dal flusso FAR (DGR n. 2961/2012), flusso informativo finalizzato al monitoraggio delle prestazioni residenziali e semiresidenziali extraospedaliere, relativi agli utenti che nel 2021 hanno avuto accesso alle Unità di Offerta restituisce uno scenario caratterizzato dalla prevalenza della patologia dementigena quale primo bisogno nelle persone ospitate nei Centri di Servizi per persone non autosufficienti, confermando l’indicazione predittiva del Piano Socio Sanitario 2019-2023 che dedica un intero capitolo alla rete di sostegno agli anziani con patologie croniche, declino cognitivo e demenze.

DATO ATTO che l’attuale quadro delle patologie e i relativi standard assistenziali (DGR n. 84/2007) richiesti dai profili 11 e 15 rappresentano, rispettivamente, i profili largamente prevalenti tra quelli di 1° e 2° livello e che quindi tale situazione ha orientato verso la definizione di una quota sanitaria unica corrispondente ad un unico livello assistenziale, con conseguente parificazione omogenea degli standard assistenziali.

DATO ATTO altresì che su tali aspetti è stato avviato un confronto con le associazioni di categoria rappresentative degli enti gestori delle strutture residenziali per persone non autosufficienti, URIPA, UNEBA e AISAP sotto la regia della Direzione dei servizi sociali e con il coinvolgimento delle componenti tecniche della Direzione Formazione e Istruzione e della Direzione Risorse Umane del SSR.

RISCONTRATO che alla luce delle considerazioni sopra riportate con DGR n. 996/2022 recante “Aggiornamento della programmazione del Fondo regionale della non autosufficienza (FRNA) per l’area anziani con aggiornamento dei fabbisogni e della programmazione. Deliberazione nr. 73/CR/2022” sono stati disposti, a fronte delle evoluzioni del quadro demografico ed epidemiologico che stanno caratterizzando i processi di invecchiamento della popolazione residente in Veneto, un’analisi dei livelli assistenziali correlati alle patologie proposte dalle persone accolte nei Centri di Servizi Residenziali (CSR) autorizzati e accreditati e la predisposizione di un piano di incremento delle impegnative di residenzialità (IdR) nonchè un adeguamento del loro valore economico.

AVUTO PRESENTE che lo standard assistenziale delle Unità di offerta dei Centri di servizi per persone anziane non autosufficienti è attualmente disciplinato dalla LR 22/2001 recante “autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie, socio sanitarie e sociali” nonché dalla DGR n. 84/2007 di approvazione dei requisiti e degli standard per l’autorizzazione all’esercizio e l’accreditamento istituzionale delle strutture socio sanitarie e sociali.

CONSIDERATO che la suddetta DGR prevede la costituzione, presso la Direzione regionale Servizi Sociali, di un gruppo di lavoro che, entro la fine del 2022, provveda ad adeguare gli standard assistenziali alla nuova programmazione.

DATO ATTO che il gruppo di lavoro sarà composto, in ottemperanza alla menzionata DGR 996/2022 dal Direttore della Direzione regionale Servizi Sociali, dal Direttore dell’Unità Organizzativa Non Autosufficienza, da un Direttore dei Servizi Socio-Sanitari delle aziende ULSS, da un rappresentante degli Enti Gestori accreditati per l’area anziani nonché da un rappresentante delle Direzioni amministrative territoriali delle aziende ULSS.

TENUTO CONTO della complessità e dei riflessi dell’incarico si ritiene necessario estendere la partecipazione al gruppo di lavoro ai rappresentanti di URIPA Veneto, UNEBA Veneto e AISAP Veneto già presenti agli incontri di approfondimento funzionali alla predisposizione della DGR 996/2022;

Per quanto detto, la composizione del predetto gruppo di lavoro è definita come segue:

  • Pierangelo Spano, Direttore della Direzione dei Servizi Sociali o suo delegato quale coordinatore del Gruppo di lavoro;
  • Giuseppe Gagni Direttore della U.O. Non Autosufficienza della Direzione Servizi Sociali;
  • Alessandra Corò, Direttore dei Servizi Socio-Sanitari dell’Azienda ULSS 7;
  • Roberto Volpe, Presidente URIPA Veneto;
  • Francesco Facci, Presidente UNEBA Veneto;
  • Andrea Angeletti, rappresentate AISAP Veneto;
  • Alessandro Ferronato, rappresentante Direzione Amministrativa Territoriale dell’Azienda ULSS 9 – Responsabile U.O.S. Attività Amministrativa Socio Sanitaria;

Forniranno inoltre supporto tecnico al Gruppo di lavoro:

  • Giuseppe Travain, U.O.C. Autorizzazione all’esercizio e Organismo Tecnicamente Accreditante di Azienda Zero;
  • Marco Braggion U.O.S. Osservatorio Regionale Politiche Sociali e Socio Sanitarie di Azienda Zero;

I componenti del Tavolo resteranno in carica sino al 31/12/2022.

DATO ATTO altresì che la partecipazione al Tavolo non prevede oneri aggiuntivi a carico della Regione del Veneto.

VISTA la LR n. 48/2018;

VISTA la DGR n. 84/2007;

VISTA la DGR n. 2961/2012;

VISTA la Deliberazione n. 73/CR/2022;

VISTA la DGR n. 996/2022;

decreta

1.  di considerare le premesse parti integranti del presente provvedimento;

2.  di costituire il gruppo di lavoro previsto dalla DGR n. 996/2022 per la rivisitazione dello standard assistenziale dei centri di servizio per persone non autosufficienti con la seguente composizione:

  • Pierangelo Spano, Direttore della Direzione dei Servizi Sociali o suo delegato quale coordinatore del Gruppo di lavoro;
  • Giuseppe Gagni Direttore della U.O. Non Autosufficienza della Direzione Servizi Sociali;
  • Alessandra Corò, Direttore dei Servizi Socio-Sanitari dell’Azienda ULSS 7;
  • Roberto Volpe, Presidente URIPA Veneto;
  • Francesco Facci, Presidente UNEBA Veneto;
  • Andrea Angeletti, rappresentate AISAP Veneto;
  • Alessandro Ferronato, rappresentante Direzione Amministrativa Territoriale dell’Azienda ULSS 9 – Responsabile U.O.S. Attività Amministrativa Socio Sanitaria;

Forniranno inoltre supporto tecnico al Gruppo di lavoro:

  • Giuseppe Travain, U.O.C. Autorizzazione all’esercizio e Organismo Tecnicamente Accreditante di Azienda Zero;
  • Marco Braggion U.O.S. Osservatorio Regionale Politiche Sociali e Socio Sanitarie di Azienda Zero;

3.  di dare atto che la partecipazione al Gruppo di lavoro di cui al presente provvedimento non comporta alcun onere a carico del bilancio regionale e che le spese di partecipazione sono a carico degli enti di appartenenza di ciascun componente;

4.  di stabilire che i componenti del Tavolo resteranno in carica sino al 31/12/2022;

5.  di pubblicare integralmente il presente Decreto nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Pierangelo Spano

Torna indietro