Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Avviso

Bur n. 16 del 31 gennaio 2024


REGIONE DEL VENETO

Avviso n. 10 del 30 gennaio 2024. Proposte di candidatura per la designazione di un componente in rappresentanza della Regione del Veneto nel Comitato Consultivo del Fondo Immobiliare Etico "Veneto Casa", ex art. 10 del Regolamento di gestione del Fondo (art. 85, comma 1, Legge regionale 27 febbraio 2008, n. 1).

IL PRESIDENTE

VISTO l’art. 85, comma 1, della Legge regionale 27 febbraio 2008, n. 1, con cui è stata avviata la costituzione di un Fondo Immobiliare Etico “Veneto Casa”, rivolto alla realizzazione, al recupero e/o all’acquisto di alloggi da destinare alla locazione a canone calmierato in favore di soggetti economicamente svantaggiati, anche mediante il coinvolgimento di investitori istituzionali, privati e della Pubblica Amministrazione;

CONSIDERATO che il Fondo Immobiliare Etico “Veneto Casa” viene gestito dalla Società Investire SGR S.p.A. – Società di Gestione del Risparmio (SGR) di Roma;

VISTO l’art. 10, punto 10.2, del vigente Regolamento di gestione del Fondo di cui sopra, il quale prevede che il Consiglio di Amministrazione della Società SGR si avvalga di un Comitato Consultivo preposto a fornire il proprio parere in merito alle proposte di investimento e/o dismissione dei beni del Fondo, i cui membri sono nominati dall’Assemblea dei Partecipanti;

ATTESO che, ai sensi del medesimo art. 10, punto 10.2, del Regolamento di gestione, i tre Partecipanti Promotori del progetto di Housing Sociale nel Veneto (Fondazione Cassa di Risparmio Padova e Rovigo, Regione del Veneto e Fondazione di Venezia), unitamente ad Intesa San Paolo quale Investitore Qualificato, hanno diritto di indicare ognuno un proprio rappresentante in seno al Comitato Consultivo;

CONSIDERATO che il mandato degli attuali membri del Comitato Consultivo del Fondo Immobiliare Etico “Veneto Casa” scadrà con l’approvazione della relazione sulla gestione al 31 dicembre 2023;

Vista la Deliberazione di Giunta regionale 22 dicembre 2009, n. 3988 con la quale si incarica il Dirigente della Direzione Regionale per l’Edilizia Abitativa ad intraprendere tutti i procedimenti necessari all’individuazione delle candidature alla carica di componente in rappresentanza della Regione Veneto nel Comitato Consultivo, previsto nell’ambito del Fondo Immobiliare “Veneto Casa”;

Vista la Legge regionale 22 luglio 1997, n. 27 che disciplina la nomina di competenza regionale;

VISTO in particolare l’art. 5, comma 3, della L.R. n. 27/1997, che stabilisce che il Presidente della Regione dia adeguata informazione delle nomine e designazioni da effettuarsi anche attraverso avviso da pubblicarsi nel Bollettino ufficiale della Regione del Veneto;

RITENUTO di dover quindi provvedere alla pubblicazione dell’avviso per la proposizione delle candidature da parte dei soggetti interessati;

RENDE NOTO

  1. che il Consiglio regionale deve provvedere alla designazione di un componente in rappresentanza della Regione del Veneto nel Comitato Consultivo del Fondo Immobiliare Etico “Veneto Casa”, ex art. 10 del vigente Regolamento di gestione del Fondo;
  1. che possono presentare la propria candidatura al Presidente del Consiglio regionale entro il trentesimo giorno dalla data di pubblicazione del presente avviso nel Bollettino ufficiale della Regione del Veneto, e cioè entro il 1 marzo 2024, i soggetti indicati nell’art. 6, commi 6 e 7, della Legge regionale n. 27/1997;
  1. che le proposte di candidatura vanno indirizzate al Presidente del Consiglio regionale (Palazzo Ferro Fini, San Marco 2321 – 30124 Venezia), e possono essere:
  1. inviate per e-mail certificata all’indirizzo di posta elettronica certificata del Consiglio regionale del Veneto protocollo@consiglioveneto.legalmail.it;
  2. inviate per e-mail non certificata all’indirizzo di posta elettronica del Consiglio regionale del Veneto posta@consiglioveneto.it;
  3. tramite raccomandata con avviso di ricevimento (a tal fine farà fede il timbro dell’ufficio postale accettante);
  4. consegnate a mano (dal lunedì al giovedì dalle ore 09.00 alle ore 17.00, il venerdì dalle ore 09.00 alle ore 16.00, sabato e festivi esclusi);
  1. che relativamente alle proposte di candidatura trasmesse via e-mail, verranno accettate, in conformità alla normativa vigente, le seguenti tipologie di comunicazioni:
  • comunicazioni e-mail provenienti da caselle di posta elettronica, anche non certificata, nelle quali il messaggio o gli allegati siano stati sottoscritti con firma digitale, il cui certificato sia rilasciato da un certificatore accreditato;
  • comunicazioni e-mail provenienti da caselle di posta elettronica non certificata, nelle quali gli allegati siano stati scansionati previa sottoscrizione autografa degli stessi da parte del candidato;
  1. che i Consiglieri regionali possono presentare proposte di candidatura ai sensi dell’art. 6, comma 5bis, della Legge regionale n. 27/1997;
  1. che le proposte di candidatura devono essere redatte in carta libera in conformità a quanto previsto dall’art. 6, commi 3 e 4, della Legge regionale n. 27/1997;
  1. che alla proposta di candidatura va allegata copia fotostatica non autenticata di un documento di identità in corso di validità, ai sensi dell’art. 38 del DPR 28/12/2000, n. 445;
  1. che le proposte di candidatura devono contenere la dichiarazione di non versare nelle condizioni di ineleggibilità previste dall’art. 7 del D.Lgs. 31 dicembre 2012, n. 235 o di ineleggibilità specifica all’incarico;
  1. che, ai sensi di quanto previsto dall’art. 9 bis della L.R. n. 27/1997, le candidature ritenute idonee restano valide fino alla scadenza del mandato per il quale sono state istruite, ma comunque non oltre la fine della legislatura, solo per sostituzioni che dovessero rendersi necessarie;
  1. che, ai sensi dell’art. 13 del Regolamento 2016/679/UE - GDPR i dati personali raccolti saranno trattati dai competenti Uffici regionali, anche in forma automatizzata, per le finalità previste dalla L.R. n. 27/1997. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e il mancato conferimento non consente l’espletamento dell’istruttoria della candidatura. I dati sono oggetto di comunicazione e di diffusione nei limiti previsti dalla vigente normativa. I dati sono raccolti e saranno conservati in conformità alle norme sulla conservazione della documentazione amministrativa. Il Titolare del trattamento dei dati è il Consiglio regionale, con sede a Palazzo Ferro Fini, San Marco, 2321 – 30124 Venezia. Gli interessati potranno contattare il Titolare del trattamento dei dati o il Responsabile della Protezione dei Dati per l'esercizio dei diritti ex artt.15-22 del Regolamento UE 2016/679 (Responsabile dei dati personali – RPD - Palazzo Ferro Fini, San Marco, 2321 – 30124 Venezia – indirizzo e-mail: rpd@consiglioveneto.it). Gli interessati potranno esercitare in ogni momento i diritti previsti dagli artt. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679 ove applicabili. Gli interessati, ricorrendone i presupposti, hanno, altresì, il diritto di proporre reclamo al Garante per la Protezione dei dati personali, con sede in Piazza Venezia, 11 - 00187 Roma;
  1. che eventuali informazioni possono essere richieste alla Segreteria Generale del Consiglio regionale – Ufficio Rapporti Istituzionali – Tel. 041/270.1393 – Fax 041/270.1223.

Il Presidente Dott. Luca Zaia

(seguono allegati)

Avviso_10_facsimile_proposta_candidatura_522274.pdf

Torna indietro