Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 175 del 20/11/2020
Scarica la versione firmata del BUR n. 175 del 20/11/2020
Scarica versione stampabile Atto di Enti Vari

Bur n. 175 del 20 novembre 2020


Materia: Protezione civile e calamità naturali

COMMISSARIO DELEGATO PRIMI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE IN CONSEGUENZA DEGLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI CHE HANNO INTERESSATO IL TERRITORIO DELLA REGIONE VENETO, DAL 27 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE 2018

Decreto n. 1256 del 12 agosto 2020

Piano degli investimenti di cui al comma 1028, art. 1, l. 145/2018. Intervento bimgest-156. "Acquedotto - realizzazione serbatoio di contenimento a monte dell'abitato di Sottoguda". cup h53e19000120001. importo finanziato Euro 450.000,00. Ocdpc n. 558/2018 - ordinanza n. 1/2018 del commissario delegato per i primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che hanno interessato il territorio della Regione Veneto, a partire dal mese di ottobre 2018. Liquidazione spesa per i lavori eseguiti nel ii^ sal a tutto il 05.08.2020

IL SOGGETTO ATTUATORE PER IL SETTORE RIPRISTINO SERVIZIO IDRICO

PREMESSO CHE:

  • nei mesi di ottobre e novembre 2018 il territorio della Regione del Veneto è stato colpito da particolari eventi meteorologici che hanno causato gravi danni al patrimonio boschivo nonché al patrimonio pubblico e privato nelle aree montane, costiere e in prossimità dei grandi fiumi con forti venti, mareggiate, frane e smottamenti;
  • con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 135 del 27 ottobre 2018, pubblicato sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, è stata attivata e convocata l'Unità di Crisi Regionale U.C.R. ai sensi del "Protocollo operativo per la gestione delle Emergenze" nell'ambito del Sistema Regionale di Protezione Civile (D.G.R. n. 103 dell'11 febbraio 2013);
  • con Decreto del Presidente della Regione del Veneto n. 136 del 28 ottobre 2018, integrato da successivo decreto n. 139 del 29 ottobre 2018, pubblicati sul BUR n. 114 del 16 novembre 2018, a seguito delle criticità riscontrate è stato dichiarato lo “stato di crisi” ai sensi dell’art. 106, co. 1 lett. a), della L.R. n. 11/2001;
  • con Decreto del 29 ottobre 2018, pubblicato nella G.U. n. 253 del 30 ottobre 2018, il Presidente del Consiglio dei Ministri, ai sensi dell’art. 23, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, ha disposto la mobilitazione straordinaria del Servizio Nazionale di Protezione Civile a supporto della Regione Veneto al fine di favorire le operazioni di soccorso nei territori colpiti dagli eccezionali eventi;
  • con Delibera del Consiglio dei Ministri dell’8 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 266 del 15 novembre 2018, in esito alle attività di cui al predetto decreto, ai sensi dell’art. 7, co. 1 lett. c) e dell’art. 24 del D.Lgs. 2 gennaio 2018 n. 1, è stato deliberato per 12 mesi a far data dal provvedimento medesimo, lo “stato di emergenza” nei territori colpiti dall’evento;
  • la predetta delibera al punto 4 dispone che, per l’attuazione dei primi interventi urgenti di cui all’art. 25, comma 2 lett. a) e b) del D.Lgs. n. 1/2018, nelle more della valutazione dell’effettivo impatto degli eventi in argomento, si provveda nel limite di complessivi Euro 53.500.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali di cui all’art. 44, comma 1 del D.Lgs. n. 1/2018, dei quali Euro 15.000.000,00 spettanti alla Regione Veneto;
  • il medesimo provvedimento prevede che, per l’attuazione degli interventi da effettuare nella vigenza dello “stato di emergenza”, ai sensi dell’art. 25, del D.Lgs. n. 1/2018, si provvede con ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento della Protezione civile, acquisita l’intesa della regione e delle province autonome interessate, in deroga a ogni disposizione vigente e nel rispetto dei principi generali dell’ordinamento giuridico;
  • con successiva Ordinanza n. 558 del 15 novembre 2018, pubblicata nella G.U. n. 270 del 20 novembre 2018, il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, d’intesa con la Regione del Veneto, ha nominato il Presidente della Regione, Commissario delegato, per fronteggiare l’emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui trattasi;
  • con il medesimo provvedimento sono state dettate disposizioni per la realizzazione delle iniziative finalizzate al superamento dell’emergenza, in particolare l’art. 1 comma 3, prevede che il Commissario delegato predisponga entro venti giorni dalla pubblicazione dell’O.C.D.P.C., un Piano degli interventi da sottoporre all’approvazione del Capo del Dipartimento della Protezione Civile;
  • che tra le funzioni delegate rientrano anche quelle connesse – art. 1, c. 2), lett. b) – “al ripristino delle funzionalità dei servizi pubblici e delle infrastrutture di reti strategiche …, omissis …..”;
  • il Commissario delegato, con nota prot. n. 511689 del 14 dicembre 2018, ha trasmesso al Capo del Dipartimento della Protezione Civile il Piano degli interventi di cui all’art. 1, comma 3 dell’O.C.D.P.C. n. 558/2018;
  • per la definizione del Piano degli interventi si è fatto riferimento alla ricognizione avviata dal Commissario delegato nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori di cui alla OC n. 1 del 23.11.2018;
  • con nota prot. n. POST/0073648 del 20 dicembre 2018 il Capo del Dipartimento di Protezione Civile ha approvato il Piano degli interventi di cui alla OCDPC n. 558/2018 per l’importo complessivo di Euro 14.774.388,71;
  • con nota commissariale prot. n. 528296 del 28 ottobre 2018, successivamente integrata con le note prot. n. 21983 del 18 gennaio 2019 e prot. n. 36681 del 28 gennaio 2019 il Commissario delegato ha trasmesso al Capo Dipartimento di Protezione Civile altresì gli elenchi del fabbisogno di cui all’art. 3 comma 1 e comma 3 della O.C.D.P.C n. 558/2018 per un ammontare complessivo pari a Euro 1.374.228.847,83 comprensivo del fabbisogno relativo alle misure di immeditato sostegno a favore di nuclei famigliari nonché per la ripresa delle attività economiche per la somma complessiva di Euro 13.027.244,43;
  • la Legge 30 dicembre 2018 n. 145, legge di stabilità 2019, al comma 1028 ha stabilito di assegnare alle regioni colpite dagli eventi meteo dell’autunno del 2018, nonché dagli ulteriori stati di emergenza formalmente deliberati e conclusi da non oltre sei mesi alla data del 31 dicembre 2018, la somma complessiva di 2,6 miliardi di Euro per il triennio 2019- 2021. Di dette risorse, a fronte delle ricognizioni trasmesse al Dipartimento di Protezione Civile con note Commissariali prot.n. 36681 del 28 gennaio 2019 e prot. n. 49710 del 5 febbraio 2019, nonché con nota del Direttore dell’Area Tutela e Sviluppo del Territorio prot. n. 509559 del 13 dicembre 2018 relativa alle segnalazioni finalizzate alla richiesta di contributo FSUE, con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del 27 febbraio 2019, è stata assegnata al Veneto la somma complessiva di Euro 755.912.355,61 per il triennio 2019-2021 di cui Euro 232.588.417,11 per il 2019;
  • con nota prot. n. 111748 in data 19 marzo 2019 il Commissario delegato, entro la scadenza prefissata, con riferimento alla ricognizione avviata nel mese di dicembre 2018 nonché alle segnalazioni dei Soggetti Attuatori e degli Enti interessati, da ultimo integrata nel mese di marzo 2019, ha presentato il Piano di cui al sopracitato D.P.C.M. del 27 febbraio 2019 a valere sulle risorse stanziate con la L. n. 145/2018, art. 1, comma 1028 – annualità 2019 - per l’importo complessivo di Euro 232.588.417,11 comprensivo di Euro 2.668.404,55 per gli eventi dell’estate 2017 di cui alla O.C.D.P.C. n. 515/2018;
  • il Dipartimento della Protezione Civile con nota DIP/15877 del 23 marzo 2019, in atti prot. n. 117834 del 25 marzo 2018 e successiva nota integrativa n. POST/0016889 del 27 marzo 2019, in atti prot. n. 124128 del 28 marzo 2019 ha, tra l’altro, approvato il Piano di cui alla O.C.D.P.C. n. 558/2018 per la somma complessiva di Euro 220.621.778,52, di cui Euro 195.621.778,52 per interventi ed Euro 25.000.00,00 quale accantonamento per i contributi a favore di privati e attività produttive. Successivamente, a seguito dei chiarimenti trasmessi con nota Commissariale n. prot. 155677 del 17 aprile 2019 il Dipartimento con nota POST/0023062 del 03 maggio 2019, in atti prot. n. 174321 del 6 maggio 2019 ha autorizzato ulteriori interventi, inizialmente sospesi, per un importo complessivo pari a Euro 5.642.395,32. Conseguentemente il Piano autorizzato dal Dipartimento a valere sulle risorse di cui all’art. 1 comma 1028 della L. n. 145/2018 ad oggi ammonta complessivamente a Euro 226.264.173,84;

VISTA l’Ordinanza del Commissario Delegato n. 1 del 23 novembre 2018 con la quale, in attuazione delle disposizioni di cui alla O.C.D.P.C. dinanzi indicata, sono stati individuati e nominati i diversi Soggetti Attuatori;

CONSIDERATO:

  • che, tra tali figure, è stato individuato e nominato l’Ing. Sergio Dalvit, Direttore Tecnico della Società BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A. con sede in Via T. Vecellio nn° 27-29 a Belluno - quale Soggetto Attuatore cui compete l’attuazione degli interventi di ripristino delle opere acquedottistiche, fognarie e di depurazione per la Provincia di Belluno;
  • che, al fine di garantire l’espletamento degli interventi i Commissari Delegati, anche avvalendosi dei Soggetti Attuatori, provvedono, per le occupazioni d’urgenza e per le eventuali espropriazioni delle aree occorrenti per la realizzazione degli interventi medesimi, alla redazione degli stati di consistenza e dei verbali di immissione in possesso dei suoli anche con la sola presenza di due testimoni, una volta emesso il decreto di occupazione d’urgenza e prescindendo da ogni altro adempimento;
  • che tra gli interventi urgenti da attuare risulta compreso anche quello per l’approvvigionamento idrico del Comune di Rocca Pietore, necessario al fine di garantire la fornitura idrica per le necessità idropotabili, e si configura pertanto come una integrazione a quanto eseguito nel solo mese di novembre 2018 e rappresenta la necessità di avere a disposizione un volume di accumulo per fronteggiare la variabilità oraria e stagionale della richiesta idropotabile delle borgate servite dall’acquedotto attualmente a costante rischio di interruzione del servizio, mediante la realizzazione di un nuovo serbatoio di acquedotto;
  • che, con nota commissariale n. 55586 dell’8 febbraio 2019, il Soggetto Attuatore deve espletare anche le funzioni di Responsabile Unico del Procedimento, laddove non abbia inteso individuare altro soggetto cui conferire le funzioni di R.U.P. all’interno della struttura di riferimento;

VISTA l’Ordinanza del Commissario Delegato n. 9 del 22 maggio 2019, con la quale il Commissario Delegato ha approvato, nell’ambito del Piano degli interventi di cui al D.P.C.MM. 04.04.2019 e ss.mm.ii., gli elenchi anche degli interventi per investimenti immediati di messa in sicurezza e ripristino di strutture e infrastrutture danneggiate a seguito degli eventi in argomento, oltre che assegnare le risorse finanziarie necessarie, determinate in € 9.596.001,81 all’all. “G” del medesimo provvedimento;

CONSIDERATO che negli elenchi di cui sopra, nell’allegato ““G – Altre amministrazioni e servizi essenziali” rientra anche quello connesso alla realizzazione dei lavori per la realizzazione de: “BIMGEST-156 - ACQUEDOTTO - realizzazione serbatoio di contenimento a monte dell’abitato di Sottoguda”. CUP H53E19000120001, per l’importo finanziato di € 450.000,00, il cui ente segnalante è BIM Gestione Servizi Pubblici S.p.A.

RICHIAMATI:

  • Il Decreto del Soggetto Attuatore dott. ing. Sergio Dalvit n° 123 del 27/06/2019 con il quale si è provveduto all’affidamento dell’esecuzione delle indagini geognostiche alla ditta SON.GEO. S.R.L. con sede in Erto e Casso (PN) per l’importo stimato di € 5.800,00 oltre oneri di sicurezza da interferenza quantificati in € 35,00 ed IVA 22% pari ad € 1.283,70, per un totale compensi e oneri fiscali di € 7.118,70;
  • Il Decreto del Soggetto Attuatore dott. ing. Sergio Dalvit n° 417 del 09/08/2019 con il quale è stato approvato il progetto definitivo dei lavori indicati al punto che precede, in esito ad apposita Conferenza dei Servizi;
  • Il Decreto del Soggetto Attuatore dott. ing. Sergio Dalvit n° 431 del 12/08/2019 con il quale è stato approvato il progetto esecutivo e determina a contrarre;
  • Il Decreto del Soggetto Attuatore dott. Ing. Sergio Dalvit n. 677 del 13/09/2019 di rimodulazione del quadro economico dell’intervento in esito alle procedure di affidamento dei lavori tra le quali risulta, che con verbale di gara prot. GSP 24685 del 05/09/2019, è stato affidato alla ditta DOLOMITI STRADE S.R.L. con sede in Alpago (BL), Viale del Lavoro n. 38    A l’esecuzione dei lavori INT. BIMGEST-156 “ACQUEDOTTO – realizzazione serbatoio di contenimento a monte dell’abitato di Sottoguda”. CUP H53E19000120001, per l’importo di € 223.164,72 per lavori, al quale vanno sommati € 5.708,72 relativi alle spese per i lavori in economia, € 10.678,97 relativi agli oneri del piano di sicurezza non soggetti a ribasso ed IVA 10% pari ad € 23.955,24, per un totale compensi e oneri fiscali di € 263.507,65, dando atto che avrebbe trovato copertura nella Contabilità Speciale n. 6108 intestata a “C.D. PRES.REG.VENETO O.558-18” a valere sulla disponibilità accertata di cui all’allegato A Quadro economico della Contabilità commissariale n. 6108 dell’ordinanza commissariale 9/2019;
  • il Decreto del Soggetto Attuatore dott. Ing. Sergio Dalvit n. 949 del 02/10/2019 di liquidazione spesa per indagini geognostiche alla ditta SON.GEO. S.r.l. di Erto e Casso (PN);
  • il Decreto del Soggetto Attuatore dott. Ing. Sergio Dalvit n. 1160 del 22/11/2019 di liquidazione spesa per l’erogazione del I^ SAL lavori;
  • il Decreto del Soggetto Attuatore dott. Ing. Sergio Dalvit n. 960 del 08/07/2020 di autorizzazione variazione importo contratto lavori;

VISTA la seguente documentazione relativa alla liquidazione delle competenze maturate nel II^ SAL a tutto il 05.08.2020 per i lavori relativi all’intervento BIMGEST-156 “ACQUEDOTTO – realizzazione serbatoio di contenimento a monte dell’abitato di Sottoguda”. CUP H53E19000120001:

  • contratto d’appalto stipulato in data 17.09.2019 rep. Ufficiale Rogante VE n. 209;
  • il certificato di pagamento n. 2 e stato di avanzamento dei lavori n. 2 a tutto il 05.08.2020;
  • la fattura n. 33 del 10.08.2020 della ditta DOLOMITI STRADE S.R.L., C.F. e P.IVA 04465460261, Viale del Lavoro n. 38A – 32010 Alpago (BL), per l’importo di € 72.038,85 per lavori, al netto della ritenuta di garanzia dello 0,5%, al quale vanno sommati € 1.159,70 per lavori in economia non soggetti a ribasso ed € 3.544,97 per oneri per la sicurezza ed IVA 10% € 7.674,35, per un totale compensi e oneri fiscali di € 84.417,87;
  • la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della legge L. 136/2010;
  • il D.U.R.C. in corso di validità;

CONSIDERATO che la spesa per i lavori in oggetto è coperta con i fondi impegnati con O.C. n. 9 del 22/05/2019, a valere sulla Contabilità Speciale n. 6108 intestata a “C.D. PRES.REG.VENETO – O.558-18”;

RITENUTO pertanto, per le motivazioni sopra esposte, di provvedere:

  • alla liquidazione alla ditta DOLOMITI STRADE S.R.L., C.F. e P.IVA 04465460261, Viale del Lavoro n. 38A – 32010 Alpago (BL), per l’importo di € 76.743,52, pari all’imponibile IVA, mediante pagamento sul c/c bancario indicato in fattura;
  • a versare all’erario l’IVA pari ad € 7.674,35, in applicazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti;

VISTI:

  • il Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 e s.m.i.;
  • il D. lgs n. 1/2018;
  • O.C.D.P.C. n° 558/2018;
  • l’Ordinanza Commissariale n. 1/2018;
  • l’Ordinanza Commissariale n. 9/2019;

DECRETA

  1. di dare atto che quanto riportato in premessa costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  2. di quantificare in € 76.743,52 la somma da liquidare alla ditta DOLOMITI STRADE S.R.L., C.F. e P.IVA 04465460261, Viale del Lavoro n. 38A – 32010 Alpago (BL), per l’esecuzione del II^ SAL lavori a tutto il 05.08.2020 relativi all’intervento BIMGEST-156 “ACQUEDOTTO – realizzazione serbatoio di contenimento a monte dell’abitato di Sottoguda”. CUP H53E19000120001, di cui all’Ordinanza Commissariale n. 9/2019 Allegato “G”;
  3. di procedere, per l’effetto, alla liquidazione della fattura n. 33 del 10.08.2020 dell’importo complessivo di € 84.417,87 mediante la predisposizione dei seguenti ordinativi di pagamento:
  1. di € 76.743,52 a favore della ditta DOLOMITI STRADE S.R.L., C.F. e P.IVA 04465460261, Viale del Lavoro n. 38A – 32010 Alpago (BL), per la relativa quota imponibile;
  2. di € 7.674,35 a favore dell’Erario, per la quota relativa all’IVA;
  1. di dare atto che alla spesa suindicata si fa fronte con i fondi impegnati a carico della contabilità speciale n. 6108 intestata a “C.D. PRES. REG. VENETO – O.558-18”, come evidenziato con Ordinanza Commissariale n. 9/2019 del 22/05/2019, che presenta sufficiente disponibilità;
  2. di trasmettere all’ufficio di supporto al Commissario delegato, il presente provvedimento per la predisposizione degli ordinativi di pagamento, relativi alle somme di cui al punto 3), attraverso la procedura informatica del MEF denominata GEOCOS, subordinatamente alle verifiche previste dalla normativa vigente;
  3. di pubblicare integralmente il presente decreto sul B.U.R. della Regione del Veneto, nonché sul sito internet della Regione del Veneto nell’apposita sezione Sicurezza del Territorio dedicata alle Gestioni Commissariali e Post Emergenziali.

IL SOGGETTO ATTUATORE Settore Ripristino Servizio Idrico dott. ing. Sergio Dalvit

Torna indietro