Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 57 del 13/06/2017
Scarica la versione firmata del BUR n. 57 del 13/06/2017
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 57 del 13 giugno 2017


Materia: Veterinaria e zootecnia

Deliberazione della Giunta Regionale n. 732 del 29 maggio 2017

Costituzione Tavolo Tecnico Regionale delle Professioni Veterinarie.

Note per la trasparenza

Con il presente provvedimento si vuole istituire il Tavolo Tecnico Regionale delle Professioni Veterinarie al fine di consentire un confronto efficace sulle criticità ed emergenze in materia veterinaria.

L'Assessore Luca Coletto riferisce quanto segue.

I recenti focolai di blue tongue e di influenza aviaria che hanno interessato il territorio regionale, rispettivamente a fine 2016 e a inizio 2017, se da una parte hanno evidenziato ancora una volta l'importanza della zootecnia veneta in ambito nazionale, hanno soprattutto evidenziato, il ruolo strategico e tempestivo svolto dai professionisti competenti.

La Giunta Regionale, nel suo ruolo di programmazione e governo delle Sanità Animale e Sicurezza Alimentare, ha da sempre ritenuto prioritaria la collaborazione di tutte le componenti della veterinaria, pubbliche e private, nella gestione delle problematiche della categoria, con l'obiettivo della tutela dei consumatori, del patrimonio zootecnico, del benessere animale e della prevenzione del randagismo sin dal 2002 ad oggi.

Nei momenti critici (BSE, influenza aviaria) e ordinari (Anagrafe degli animali d'affezione e malattia di Aujeszky) sono statti affrontati in modo propositivo le varie sfide dando al contempo soluzioni concrete alle esigenze dei consumatori, degli allevatori e a tutti gli stakeholder.

Per contrastare le nuove criticità e le problematiche odierne, sia per quanto riguarda gli aspetti della sanità pubblica che della libera professione, si ritiene opportuno istituire un Tavolo della Medicina Veterinaria a livello regionale quale organo propositivo per tutte le tematiche che riguardano i diversi aspetti della professione veterinaria, anche in ottica di One Healt.

La attività di competenza del Tavolo Tecnico che si intende costituire sono:

  • Condivisione delle azioni strategiche regionali per fronteggiare le malattie infettive degli animali e le emergenze sanitarie e per contribuire alla sicurezza alimentare,
  • Stesura di protocolli per la comunicazione delle attività svolte dal settore veterinario e rivolta alla popolazione,
  • Sviluppare procedure operative per l'utilizzo corretto dei farmaci veterinari,
  • Valutazione delle attività intersettoriali relative al rapporto uomo - animale - ambiente.

Per consentire a tutte le professionalità presenti in ambito veterinario di dare il proprio apporto e un confronto sulle criticità e sulle emergenze future si ritiene che la composizione del tavolo debba essere la seguente in modo da abbracciarne tutte le componenti:

  • Il Direttore Generale dell'Area Sanità e Sociale della Regione del Veneto;
  • Il Direttore Direzione Prevenzione Sicurezza Alimentare Veterinaria,
  • Il Direttore Unità Organizzativa Veterinaria e Sicurezza Alimentare;
  • Il Direttore Generale dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie;
  • Il Direttore del Dipartimento di Medicina Animale, Produzioni e Salute (MAPS), Università degli Studi di Padova;
  • Il Segretario regionale del SIVEMP;
  • Il Segretario regionale del SIVELP;
  • Il Presidente regionale ANMVI;
  • 5 Rappresentanti della Federazione regionale Veneta dell'Ordine Veterinari.

In caso di assenza i Componenti del Tavolo potranno designare un sostituto, inoltre in base agli argomenti trattati potranno essere invitati, di volta in volta, altre persone con competenze specifiche.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura competente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale, e che successivamente alla definizione di detta istruttoria non sono pervenute osservazioni in grado di pregiudicare l'approvazione del presente atto;

delibera

  1. di costituire, per le motivazioni espresse in premessa, il Tavolo Tecnico Regionale della Professione Veterinaria al fine di consentire un rapido ed efficace confronto dinanzi alla nuove e future criticità ed emergenze in materia veterinaria;
  2. di stabilire che la composizione del Tavolo di cui al precedente punto 1 è la seguente:
    • Il Direttore Generale dell'Area Sanità e Sociale della Regione del Veneto;
    • Il Direttore Direzione Prevenzione Sicurezza Alimentare Veterinaria,
    • Il Direttore Unità Organizzativa Veterinaria e Sicurezza Alimentare;
    • Il Direttore Generale dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie;
    • Il Direttore del Dipartimento di Medicina Animale, Produzioni e Salute (MAPS), Università degli Studi di Padova;
    • Il Segretario regionale del SIVEMP;
    • Il Segretario regionale del SIVELP;
    • Il Presidente regionale ANMVI;
    • 5 Rappresentanti della Federazione regionale Veneta dell'Ordine Veterinari.
  3. di stabilire che le attività di competenza del Tavolo Tecnico di cui al punto 2) saranno le seguenti:
    • Condivisione delle azioni strategiche regionali per fronteggiare le malattie infettive degli animali e le emergenze sanitarie e per contribuire alla sicurezza alimentare.
    • Stesura di protocolli per la comunicazione delle attività svolte dal settore veterinario e rivolta alla popolazione.
    • Sviluppare procedure operative per l'utilizzo corretto dei farmaci veterinari.
    • Valutazione delle attività intersettoriali relative al rapporto uomo - animale - ambiente.
  4. di stabilire che in caso di assenza i Componenti sopra nominati potranno designare un sostituto;
  5. di dare atto che in base agli argomenti trattati, di volta in volta, potranno essere invitati altre persone con competenze specifiche;
  6. di demandare alla Direzione Prevenzione Sicurezza Alimentare Veterinaria l'attuazione del presente provvedimento;
  7. di dare atto che la presente deliberazione non comporta spese a carico del bilancio regionale;
  8. di pubblicare il presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto.

Torna indietro