Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 66 del 08 luglio 2014


Materia: Programmi e progetti (comunitari, nazionali e regionali)

Deliberazione della Giunta Regionale n. 977 del 17 giugno 2014

Programma Operativo Regionale (POR) - Obiettivo "Competitività regionale e occupazione" (CRO), parte FESR (2007-2013). Azione 2.1.2 "Interventi di riqualificazione energetica dei sistemi urbani: teleriscaldamento e miglioramento energetico di edifici pubblici" e Azione 3.2.3 "Attività innovative di promozione del patrimonio naturale". Approvazione nuovi progetti a regia regionale.

Note per la trasparenza

Con la presente deliberazione si approvano, nell'ambito dell'Azione 2.1.2 "Interventi di riqualificazione energetica dei sistemi urbani: teleriscaldamento e miglioramento energetico di edifici pubblici", nuovi progetti a regia regionale finalizzati alla riqualificazione energetica di alcuni edifici ERP siti in Adria (RO) e, nell'ambito dell'Azione 3.2.3 "Attività innovative di promozione del patrimonio naturale", nuovi progetti a regia finalizzati alla manutenzione straordinaria del percorso ciclo pedonale presso il "Cimitero dei Burci" e alla riqualificazione di alcuni percorsi escursionistici nei comuni del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi.

L'Assessore Roberto Ciambetti riferisce quanto segue.

Con deliberazione n. 425 del 27/02/2007, la Giunta regionale ha approvato la proposta del Programma Operativo Regionale (POR) - Obiettivo "Competitività Regionale e Occupazione", parte FESR (2007-2013) rinviando a successivo provvedimento la presa d'atto finale della decisione della Commissione europea.

Con decisione n. 4247 del 07/09/2007, la Commissione Europea ha adottato il Programma Operativo Regionale (POR) - Obiettivo "Competitività Regionale e Occupazione", parte FESR (2007-2013) della Regione del Veneto e con deliberazione n. 3131 del 09/10/2007 la Giunta regionale ha preso atto della sopracitata decisione.

Successivamente, la predetta decisione è stata modificata dalla Commissione Europea con decisioni n. 9310 del 11/12/2012 e n. 3526 del 19/06/2013.

Tale programma è articolato in sei Assi prioritari ciascuno diviso in varie linee di intervento. Le linee di intervento sono poi suddivise in diverse Azioni.

Con deliberazione della Giunta regionale n. 3888 del 04/12/2007 e s.m.i. sono state individuate le strutture regionali responsabili dell'attuazione delle singole Azioni (SRA) di ciascuna linea di intervento del POR - CRO, parte FESR (2007-2013).

Per alcune Azioni è stata prevista la facoltà, riservata alla Giunta regionale, di promuovere, oltre al bando pubblico, anche una procedura a regia regionale che prevede l'individuazione dei progetti da cofinanziare mediante "individuazione diretta dei beneficiari e dei progetti da cofinanziare sulla base di normative regionali, piani e programmi di settore".

In particolare, la regia regionale è pure prevista per le Azioni 2.1.2 e 3.2.3.

Si tratta, con la presente deliberazione, di approvare, con riguardo all'Azione 2.1.2 "Interventi di riqualificazione energetica dei sistemi urbani: teleriscaldamento e miglioramento energetico di edifici pubblici" e all'Azione 3.2.3 "Attività innovative di promozione del patrimonio naturale", i nuovi progetti a regia regionale sintetizzati negli Allegati A e B, costituenti parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.

Nello specifico, nell'ambito dell' Azione 2.1.2 "Interventi di riqualificazione energetica dei sistemi urbani: teleriscaldamento e miglioramento energetico di edifici pubblici", sono state individuate 2 "Schede progetto" relative a interventi concernenti la riqualificazione energetica di alcuni edifici ERP.

In particolare, i progetti FESR_ATER_92 e FESR_ATER_93 prevedono entrambi la riqualificazione energetica di alcuni edifici ERP (rispettivamente n. 2 e n. 1) siti in Adria (RO). Gli interventi, consistenti nella coibentazione delle facciate esterne degli edifici con pannelli isolanti e nella sostituzione degli infissi esterni con tipologia a tripla guarnizione e vetri a basso emissivo, sono finalizzati al miglioramento di almeno il 35% delle performance degli edifici per quanto riguarda il consumo di energia primaria per il riscaldamento invernale.

Per quanto concerne, invece, l'Azione 3.2.3 "Attività innovative di promozione del patrimonio naturale", sono state individuate 2 schede progetto inerenti la manutenzione straordinaria e messa in sicurezza del percorso ciclo pedonale presso il "Cimitero dei Burci" e la riqualificazione di percorsi escursionistici in alcuni comuni del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi.

Nello specifico, con riferimento al progetto FESR_R_94, si intende realizzare la manutenzione straordinaria di un tratto del percorso ciclo pedonale denominato "Ciclovia E4". Trattasi di un percorso ad alta frequentazione ubicato nel Parco del fiume Sile che consente la visitazione di elementi naturalistici, storici, architettonici e paesaggistici di notevole interesse tra cui il "Cimitero dei Burci". Gli interventi, necessari e urgenti, concernono lavori di rifacimento della struttura portante delle passerelle in legno deteriorate.

Il progetto FESR_R_95 prevede, invece, la riqualificazione di percorsi e sentieri escursionistici nell'ambito del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi e precisamente nei comuni di Longarone, Forno di Zoldo, la Valle Agordina, Rivamonte e Gosaldo. Con questo progetto vengono riqualificati tre sentieri attraverso interventi manutentivi e la posa di nuovi pannelli interpretativi, in linea con quanto proposto nel Piano di Interpretazione Ambientale del Parco. Nello specifico, gli interventi sono volti alla riqualificazione degli itinerari di visita all'area protetta attraverso il miglioramento della percorribilità e della riconoscibilità e quindi alla fruizione da parte degli escursionisti valorizzando, altresì, gli elementi di particolare interesse naturalistico e storico-antropico.

I progetti sono stati presentati al Tavolo di Partenariato, ai fini dell'ottenimento del relativo parere di competenza, mediante procedura scritta di cui alla nota Prot. n. 207063 del 13/05/2014.

Non essendo pervenute osservazioni nei termini prefissati, il parere del Tavolo di Partenariato si intende espresso positivamente.

Si ricorda che gli interventi verranno finanziati nel rispetto di quanto previsto dall'art. 56 del Reg. CE 1083/2006 e dal D.P.R. 196/2008, successivamente modificato con D.P.R. 98/2012, in materia di ammissibilità delle spese. In ogni caso non saranno considerate ammissibili le spese indicate dall'art. 7 del Reg. CE 1080/2006.

Inoltre, sarà garantita l'ammissibilità delle operazioni in conformità all'art. 57 Reg. CE 1083/2006, il rispetto della normativa comunitaria in materia di progetti generatori di entrate (art. 55 Reg. CE 1083/2006) e il divieto di cumulo dei finanziamenti (art. 54 Reg. CE 1083/2006).

Infine, i beneficiari dovranno rispettare gli obblighi di conservazione della documentazione (artt. 60 e 90 Reg. CE 1083/2006 e art. 19 Reg. CE 1828/2006), di tenuta di una contabilità separata (art. 60 del Reg. CE 1083/2006) nonché gli obblighi in materia di informazione e pubblicità previsti dell'art. 8 del Reg. CE 1828/2006 e, accettando il finanziamento, accettano, nel contempo, di venire inclusi nell'elenco beneficiari conformemente all'art. 7 del reg. CE 1828/2006.

I beneficiari dovranno anche assicurare, ai soggetti incaricati, la possibilità di effettuare i controlli documentali e in loco ai sensi degli artt. 14 e 19 del Reg. CE 1828/2006.

Valgono, comunque, per tutti i tipi di progetto le disposizioni relative al rispetto della normativa comunitaria e nazionale, in particolare per quanto concerne la tutela dell'ambiente, il monitoraggio e la rendicontazione.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta Regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, il quale dà atto che la struttura proponente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale;

VISTO il Regolamento (CE) n. 1080/2006;

VISTO il Regolamento (CE) n. 1083/2006;

VISTO il Regolamento (CE) n. 1828/2006;

VISTA la Decisione (CE) n. 4247 del 07/09/2007;

VISTA la Decisione (CE) n. 9310 del 11/12/2012;

VISTA la Decisione (CE) n. 3526 del 19/06/2013;

VISTO il D.P.R. n. 196/2008 e s.m.i.;

VISTA la DGR n. 425 del 27/02/2007 ;

VISTA la DGR n. 3131 del 09/10/2007;

VISTA la DGR n. 3888 del 04/12/2007 e s.m.i.;

VISTI i criteri di selezione approvati dal Comitato di Sorveglianza il 31/03/2008, successivamente modificati dal Comitato di Sorveglianza del 20/06/2012;

CONSIDERATO il parere positivo espresso dal Tavolo di Partenariato a seguito della procedura scritta avviata con nota Prot. n. 207063 del 13/05/2014;

VISTO l'art. 2 co. 2 della L.R n. 54/2012.

delibera

1.     le premesse sono parte integrante del presente atto;

2.     di approvare, relativamente all'Azione 2.1.2 "Interventi di riqualificazione energetica dei sistemi urbani: teleriscaldamento e miglioramento energetico di edifici pubblici" e all'Azione 3.2.3 "Attività innovative di promozione del patrimonio naturale" gli interventi descritti negli Allegati A e B, costituenti parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, secondo la modalità a regia regionale prevista per le Azioni indicate dal POR - CRO , parte FESR (2007-2013);

3.     di demandare ai Direttori della Sezione Lavori Pubblici e della Sezione Parchi Biodiversità Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori, ciascuno per le proprie competenze, ogni azione necessaria all'attuazione e alla rendicontazione dei progetti approvati e di cui alle premesse;

4.     di dare atto che la spesa di cui si prevede l'impegno con successivo atto non rientra nelle tipologie soggette a limitazioni ai sensi della L.R. 1/2011;

5.     di pubblicare il presente atto nel Bollettino ufficiale della Regione.

(seguono allegati)

977_AllegatoA_276477.pdf
977_AllegatoB_276477.pdf

Torna indietro