Menu veloce: Pagina iniziale | Consultazione | Filtri di selezione | Contenuto
Scarica la versione stampabile del BUR n. 113 del 24/12/2013
Scarica la versione firmata del BUR n. 113 del 24/12/2013
Scarica versione stampabile Deliberazione della Giunta Regionale

Bur n. 113 del 24 dicembre 2013


Materia: Opere e lavori pubblici

Deliberazione della Giunta Regionale n. 2227 del 03 dicembre 2013

Attivazione di un sistema volontario di certificazione della qualità energetico - ambientale di edifici pubblici e privati nel Veneto. Convenzione con Veneto Innovazione Spa con relativo impegno di spesa per la realizzazione e la gestione del sistema di certificazione della sostenibilità energetico ambientale degli edifici pubblici e privati del Veneto. (L.R. 9 marzo 2007, n. 4; L.R. 5 aprile 2013, n. 3, art. 33).

Note per la trasparenza
Al fine di promuovere la qualità edilizia ed il corretto uso delle risorse, la L.R. n. 3/2013 ha integrato la L.R. n. 4/2007 "Iniziative ed interventi regionali a favore dell'edilizia sostenibile", prevedendo la costituzione di un sistema regionale volontario di certificazione della sostenibilità energetico-ambientale degli edifici, autorizzando la Giunta Regionale ad avvalersi di Veneto Innovazione Spa. Con il presente provvedimento si attiva l'iniziativa, assumendo il necessario impegno di spesa.

L'Assessore Massimo Giorgetti riferisce quanto segue

La Regione del Veneto, con legge regionale 9 marzo 2007, n. 4, si è dotata, tra le prime regioni italiane, delle regole generali per l'edificazione sulla base di principi di compatibilità con l'ambiente, prevedendo lo sviluppo di specifiche iniziative di promozione e incentivazione, concretizzatisi, in particolare, con la concessione di contributi regionali riservati all'edilizia residenziale. Tali contributi, sono stati assegnati con specifici bandi negli anni 2007, 2008 e 2009 sulla base della valutazione della qualità energetico-ambientale degli edifici, risultante dall'applicazione delle linee guida regionali in materia, previste dall'art. 2 della stessa L.R. n. 4/2007 quale strumento tecnico per l'attuazione delle iniziative regionali a favore dell'edilizia sostenibile.

Già da alcuni anni, in ambito internazionale, le iniziative per la promozione della qualità nel settore edilizio hanno visto la diffusione, oltre alle procedure per la certificazione energetica da alcuni anni obbligatorie anche nel nostro paese, dei sistemi di certificazione delle prestazioni complessive degli edifici, con particolare riferimento alla sostenibilità ambientale degli stessi.

Pur in mancanza di una normativa nazionale, anche diverse regioni e province autonome italiane hanno emanato, spesso coordinando le proprie iniziative sotto il profilo tecnico e dei principi fondamentali, norme finalizzate all'attuazione di un sistema di certificazione della sostenibilità degli edifici, a partire da quelli residenziali.

Alla luce di tali considerazioni e delle importanti evoluzioni della normativa europea e italiana per il miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici, atteso che il mercato edilizio sta evolvendo verso obiettivi di alta qualità e che il rafforzamento di tale aspetto è essenziale alla capacità di accesso delle strutture produttive ad ambiti operativi più ampi, la Giunta Regionale ha ritenuto di avviare specifiche analisi e verifiche al fine di introdurre anche nel Veneto la forma di incentivazione costituita da un sistema di certificazione della qualità energetico ambientale degli edifici, incaricando, con deliberazione n. 2447 del 29 dicembre 2011, la Società regionale Veneto Innovazione Spa di redigere uno studio di fattibilità tecnica economica dell'iniziativa. Veneto Innovazione Spa, costituita con legge regionale 6 settembre 1988, n. 45, annovera, infatti, tra le proprie attribuzioni statutarie, l'obiettivo della promozione e dello sviluppo della ricerca applicata e l'innovazione all'interno del sistema produttivo veneto, sostenendo le attività che, con innovazioni di processo e di prodotto, contribuiscono al miglioramento della situazione ambientale.

Lo studio di fattibilità, presentato da Veneto Innovazione Spa nel mese di luglio 2012, propone, sulla base dell'analisi del contesto regionale e degli aspetti economici dell'iniziativa, lo sviluppo, in una logica di sistema e di coinvolgimento degli operatori del settore, di un modello operativo e organizzativo funzionale all'avvio e alla concreta gestione del complesso di attività di certificazione, finalizzate all'orientamento dell'edilizia verso scenari di sostenibilità e all'evoluzione del mercato edilizio verso obiettivi di alta qualità.

L'azione regionale sul tema è stata rafforzata con la disciplina introdotta dall'art. 33 della L.R. n. 3 del 5 aprile 2013, integrativa alla L.R. 4/2007, volta ad implementare le iniziative già avviate attraverso l'istituzione di un sistema procedurale che consenta di attribuire agli edifici, rispondenti ai requisiti definiti dalle linee guida regionali in materia di edilizia sostenibile, un certificato di qualità inerente la sostenibilità energetico ambientale. La regolamentazione di detto sistema, avente carattere di volontarietà, spetta alla Giunta Regionale che, per la realizzazione e gestione del sistema stesso, può avvalersi di Veneto Innovazione Spa, mediante la sottoscrizione di apposita convenzione (comma 3, art. 4 bis della L.R. n. 4/2007). La convenzione deve definire in particolare le attività che Veneto Innovazione è tenuta a svolgere secondo gli indirizzi della stessa Giunta Regionale e le modalità di rimborso dei costi sostenuti per lo svolgimento di tali attività.

La realizzazione del sistema di certificazione della sostenibilità energetico ambientale degli edifici è inoltre compresa nell'azione 17.1.4 del Documento di Programmazione Economico Finanziario, di cui alla D.G.R./CR n. 70 del 28 giugno 2013, che prevede la predisposizione di un apposito regolamento, nel quale saranno definiti, tra l'altro, le procedure per la certificazione e per la creazione della relativa banca dati, l'organizzazione dei controlli, i percorsi formativi dei certificatori e incaricati delle verifiche.

Si tratta, quindi, di intraprendere il percorso, certamente impegnativo, per il concreto avvio del sistema di certificazione in argomento, procedendo ad incaricare la Società Veneto Innovazione Spa in relazione alla realizzazione e gestione dello stesso. Nell'Allegato A "Schema di convenzione per lo svolgimento delle attività per la realizzazione e gestione del sistema regionale di certificazione della sostenibilità energetico - ambientale" vengono definiti i rapporti della Regione del Veneto con Veneto Innovazione SpA. In particolare la convenzione stabilisce le azioni generali da intraprendere nell'arco della durata della convenzione stessa ed in particolare le azioni da realizzare nel primo anno di attività, fissando le modalità operative generali. Come previsto dalla L.R. n. 4/2007, annualmente la Giunta Regionale definirà i nuovi indirizzi operativi in riferimento ai risultati conseguiti e alle risorse finanziarie disponibili. I compiti di Veneto Innovazione si articolano, quindi, in una fase prevalentemente propositiva, organizzativa e promozionale da svolgere nel primo anno di attività e in un periodo successivo di messa a punto del sistema di certificazione e di gestione dello stesso.

Come stabilito dall'art. 2 della L.R. n. 4/2007, la valutazione della qualità ambientale ed energetica espressa dai singoli interventi di bioedilizia ai fini dell'attribuzione della certificazione in questione, si basa sulle già citate linee guida regionali che, approvate con D.G.R. n. 2063/2009, necessitano ora di revisione e aggiornamento, necessari sia per un adeguamento all'evoluzione normativa della materia, sia per conseguire una migliore efficacia quale strumento tecnico del sistema di certificazione. A questo scopo, oltre ai criteri fondativi delle linee guida in vigore, saranno prese in considerazione le potenzialità migliorative insite in altri sistemi di certificazione già operativi ed in particolare lo specifico protocollo denominato "CasaClima", realizzato e gestito dalla società in House della Provincia Autonoma di Bolzano "Agenzia CasaClima", con caratteristiche tecnico qualitative, di diffusione territoriale e di sperimentazione nel tempo che ne attestano l'affidabilità.

Al fine di delineare un unico sistema regionale di valutazione di sostenibilità energetico ambientale, secondo criteri di tipo prestazionale, come previsto dall'art. 2, comma 2 della L.R. 4/2007, su iniziativa del Dirigente della Direzione Regionale Lavori Pubblici, sarà costituito un tavolo di lavoro specifico fra Regione del Veneto (rappresentata dalle strutture competenti in materia), Veneto Innovazione SpA e Agenzia CasaClima con il compito di sviluppare i suddetti obiettivi in uno strumento tecnico per l'attribuzione della relativa certificazione. Il tavolo di lavoro sarà coordinato da Veneto Innovazione SpA, che potrà invitare a partecipare altri soggetti competenti nella materia. Veneto Innovazione SpA provvederà alla sintesi finale e alla stesura dello strumento di valutazione.

Il marchio da utilizzare nella certificazione della sostenibilità energetico ambientale degli edifici pubblici e privati sarà denominato "Sistema veneto di qualità delle costruzioni".

Relativamente all'aspetto organizzativo dell'attività di certificazione, si ritiene che, in particolare per quanto riguarda le attività di audit relative agli edifici pubblici, le stesse possano essere svolte dai tecnici delle ATER del Veneto, adeguatamente formati.

Per quanto riguarda le attività di formazione del personale interno e degli auditor, nonché per l'utilizzo in esclusiva del protocollo CasaClima, Veneto Innovazione SpA è autorizzata a sottoscrivere una convenzione operativa con l'Agenzia CasaClima di Bolzano.

Per quanto riguarda gli aspetti finanziari, al fine di garantire lo svolgimento delle attività previste dallo schema di convenzione relativamente al primo anno di avvio dell'iniziativa, la citata legge prevede una spesa di € 150.000,00. Tale somma è impegnata con il presente provvedimento a valere sul capitolo 101843 "Azioni regionali per la promozione della certificazione di sostenibilità energetico-ambientale degli edifici", SIOPE 1 05 03 1549,UPB U0210 "Studi piani e progetti nel settore energetico" del bilancio regionale di previsione per l'esercizio finanziario 2013, che presenta sufficiente disponibilità.

Relativamente ai rapporti da instaurare con l'Agenzia CasaClima di Bolzano, non deriveranno oneri a carico del Bilancio regionale.

Si propone pertanto l'attivazione, in via sperimentale, del sistema di certificazione della sostenibilità energetico ambientale degli edifici secondo quanto espresso in precedenza e con le modalità contenute nell'allegato A al presente provvedimento che definisce i contenuti della convenzione tra la Regione del Veneto e Veneto Innovazione SpA per una durata complessiva di cinque anni, facendo riserva di valutare i risultati che verranno conseguiti nel corso dell'anno 2014, in conseguenza dei quali verranno disposte eventuali ridefinizioni organizzative, con particolare riferimento al ruolo degli ATER.

Per quanto riguarda le annualità successive, l'impegno finanziario della Regione sarà comunque rapportato alla disponibilità delle risorse finanziarie e definito previa presentazione di apposito budget da parte di Veneto Innovazione, tenuto conto delle certificazioni effettuate e dello stato di avanzamento dei lavori.

Si ritiene opportuno incaricare il Dirigente responsabile della Direzione Regionale Lavori Pubblici, per quanto di competenza, della predisposizione, adozione ed espletamento di ogni atto e adempimento necessari alla esecuzione della presente deliberazione, incluso ogni atto volto al miglior raggiungimento degli obiettivi stabiliti dalla stessa.

Il relatore conclude la propria relazione e propone all'approvazione della Giunta Regionale il seguente provvedimento.

LA GIUNTA REGIONALE

UDITO il relatore, incaricato dell'istruzione dell'argomento in questione ai sensi dell'art. 53, 4° comma dello Statuto, il quale dà atto che le strutture competenti hanno attestato l'avvenuta regolare istruttoria della pratica, anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione regionale e statale;

VISTA la legge regionale n. 4 del 9 marzo 2007, così come integrata con la L.R. n. 3 del 5 aprile 2013;

VISTE le leggi regionali n. 45 del 6 settembre 1988 e n. 9 del 18 maggio 2007;

VISTA la D.G.R. n. 2951 del 14 dicembre 2010;

VISTA la D.G.R. n. 2447 del 29 dicembre 2011;

VISTO lo studio di fattibilità elaborato dalla Società Veneto Innovazione Spa e consegnato in data 17 luglio 2012;

VISTA la L.R. n.39 del 29 novembre 2001;

VISTA la Direttiva 2010/31/UE ed il recepimento della stessa nella legislazione italiana;

delibera

1.       di avviare, ai sensi dell'art. 4 bis della L.R. n. 4/2007, la costituzione del sistema di certificazione della sostenibilità energetico ambientale degli edifici, avente carattere di volontarietà, come specificato nelle premesse;

2.       di avvalersi, per la realizzazione e gestione del sistema della sostenibilità energetico ambientale di cui al precedente punto 1, della Società Veneto Innovazione Spa, competente in materia per le proprie attribuzioni statutarie;

3.       di approvare lo schema di convenzione disciplinante lo svolgimento delle attività per la realizzazione e la gestione del sistema regionale di certificazione della sostenibilità energetico- ambientale, Allegato A che costituisce parte integrante al presente provvedimento, autorizzando il Presidente della Giunta Regionale o suo delegato alla sottoscrizione del documento;

4.       di dare atto che lo schema di convenzione di cui al punto precedente prevede una durata della stessa di cinque anni e che per le annualità successive al primo anno di avvio delle attività, la Giunta Regionale provvederà alla formulazione di ulteriori indirizzi in riferimento ai risultati raggiunti e alle risorse finanziarie disponibili;

5.       di autorizzare Veneto Innovazione SpA a sottoscrivere la convenzione con l'Agenzia CasaClima di Bolzano di cui alle premesse, al fine dell'acquisizione dei servizi di cui all'Allegato A al presente provvedimento;

6.       di autorizzare Veneto Innovazione SpA a sottoscrivere con gli ATER provinciali apposita convenzione per regolamentare i rapporti di collaborazione all'interno del "Sistema veneto di qualità delle costruzioni" secondo quanto previsto nelle premesse e le future indicazioni della Regione del Veneto;

7.       di impegnare a favore di Veneto Innovazione SpA, per le finalità di cui ai punti 1, 2, 3 la somma di € 150.000,00 a valere sulla disponibilità del capitolo di spesa n. 101843 "Azioni regionali per la promozione della certificazione di sostenibilità energetico - ambientale degli edifici", SIOPE 1 05 031549, UPB U0210 del bilancio annuale di previsione per l'esercizio corrente, che presenta sufficiente disponibilità;

8.       di dare atto che la spesa di cui si prevede l'impegno non rientra nelle tipologie soggette a limitazioni ai sensi della L.R. n. 1/2011;

9.       di dare atto che il presente provvedimento è soggetto a pubblicazione ai sensi dell'articolo 23 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33;

10.   di incaricare il Dirigente della Direzione Regionale Lavori Pubblici dell'esecuzione del presente atto;

11.   di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

(seguono allegati)

2227_AllegatoA_263311.pdf

Torna indietro